Pioggia e vento nel Senese, una trentina di richieste d’intervento dei Vigili del Fuoco

Pioggia e vento nel Senese, una trentina di richieste d’intervento dei Vigili del Fuoco

Siena, varie richieste di intervento sono arrivate alla sala operativa dei vigili del fuoco senesi per danni provocati sabato pomeriggio dal vento e dalla pioggia nel comune di Siena e nella provincia.

Da Colle Val d’Elsa, Poggibonsi, Abbadia San Salvatore e Castellina in Chianti sono arrivate le segnalazioni riguardanti alberi e pali caduti, rami pericolanti, e danni provocati dalla pioggia.

Sempre a causa del maltempo, a Colle Val d’Elsa, i Vigili del Fuoco sono dovuti intervenire per metter in salvo un gruppo di oltre dieci persone che si trovavano in gita sul parco fluviale del fiume Elsa, il cui livello si è improvvisamente innalzato a causa delle ingenti piogge che hanno interessato nel pomeriggio la provincia di Siena.

Gli interventi dei Vigili del Fuoco sono continuati in tutta la provincia di Siena per danni da maltempo a seguito del violento temporale abbattutosi nel pomeriggio, con oltre trenta richieste di intervento in gestione alla sala operativa di Siena.

Contestualmente, si segnala dai pompieri, i vigili del fuoco del comando di Siena stanno anche intervenendo per un incendio di sterpaglie lungo il raccordo autostradale Siena-Firenze nel comune di Monteriggioni. In supporto inviata una squadra dal distaccamento di Castelfiorentino del comando di Firenze e spostata sulla sede centrale di Siena una squadra di Montalcino.

L'articolo Pioggia e vento nel Senese, una trentina di richieste d’intervento dei Vigili del Fuoco da www.controradio.it.

Live Rock Festival 2022

Live Rock Festival 2022

Bentornato Live Rock Festival 2022! Da mercoledì 7 a domenica 11 settembre all’Ex Fierale di Acquaviva, a due passi da Montepulciano (Siena). Anche stavolta ad ingresso (quasi) gratuito:1,5 euro a serata! Programma ricco ed internazionale con La Femme, da Copenaghen Iceage, da LondraNuha Ruby Ra e molti altri ancora…

Il programma è di assoluta qualità: dalla Francia il funambolico collettivo La Femme, da Copenaghen le evoluzioni art punk degli Iceage, da Londra l’estetica dark/noise/rnb di Nuha Ruby Ra… E ancora, Fine Before You Came, Lorenzo Senni, Wu-Lu, Melancholia, Emmanuelle, le foto del compianto Pasquale Modica in mostra, un punto ristoro da leccarsi i baffi…

La serata inaugurale di mercoledì 7 sarà nel segno dei La Femme, spettacolare collettivo francese votato a un electropop che declina coldwave e yéyé, evocando Kraftwerk e Velvet Underground.  In primo piano l’ultimo lavoro “Paradigm”. Da non perdere poi la produzione ideata proprio per Live Rock Festival dal Beat Brass Quartet: tre orchestrali di formazione classica e un compositore di estrazione elettronica celebreranno l’incontro tra la famiglia degli ottoni, la gomma lacca dei vinili, i cavi elettrici di synth e strumenti a corrente. In apertura Sacchini, sonorità cantautorali con testi di denuncia sociale, in collaborazione con St. Louis College.

Giovedì 8 settembre spazio ai Fine Before You Came, la band più anticonvenzionale della penisola, un inno all’emo-core e al post-rock, di certo uno dei gruppi che meglio sanno stare sul palco. Prima ci sarà l’urban sound di Big Mama, una che non le manda a dire, soprattutto su temi quali il bullismo, il body shaming e la marginalità delle artisti femminili. E non perdete il live di Lorenzo Senni, producer concettualista che ha sorpreso il Primavera Sound e non ha eguali in Italia.

Alfieri della scena “New Way Of Danish Fuck You”, gli Iceage hanno plasmato il post-punk fino a dargli sembianze pop, dark e cantautorali. Uno stile in continua evoluzione come certifica l’ultima fatica “Seek Shelter”, che ascolteremo venerdì 9 settembre sempre al Live Rock Festival. Tra rap e fusion navigano gli Studio Murena, che insieme alla brasiliana Emmanuelle apriranno la serata.

Sabato 10 in arrivo la nuova stella dell’avant punk dell’East London: Nuha Ruby Ra produce musica da live ed estetica da copertina, mischiando noise rock, RnB e reminiscenze dark. Da Londra anche Wu-Lu, con un sound attualissimo nel segno dell’underground/hip-hop, e Romare, musicista, dj e produttore con un mix di elettronica e hip hop che trae linfa dalla cultura afroamericana. La giornata inizierà con un trekking ecomusicale che, al piacere di camminare nella natura, aggiunge la musica del Giovanni Benvenuti Trio, in un’esecuzione propiziata dalla sinergia con Siena Jazz.

La colonna sonora di “Strappare lungo i bordi” di Zerocalcare? Solo l’ultima tappa di Giancane, che domenica 11 proporrà un live quasi antologico, un tuffo nel suo universo ironico, dissacrante, che attinge a piene mani dall’emotività. Ad aprire la serata saranno i Melancholia, alle prese con un nuovo disco dopo l’esperienza a X-Factor, mentre il sipario si chiuderà sulle note degli Elephant Brain, band entrata a pieno titolo nel solco del rock italiano, sulla scia di Ministri, Zen Circus, Fask…

Inizio concerti ore 21,30. Info www.liverockfestival.it – info@liverockfestival.it Sul sito ufficiale www.liverockfestival.it anche tante dritte su come arrivare e soggiornare ad Acquaviva.

L'articolo Live Rock Festival 2022 da www.controradio.it.

Incidente stradale sulla A1, un morto e un ferito

Incidente stradale sulla A1, un morto e un ferito

Siena, un uomo ha perso la vita e un altro è rimasto ferito gravemente in seguito a un incidente stradale avvenuto nel tratto toscano dell’A1, tra i caselli di Valdichiana e Chiusi in direzione Roma.

Da quanto ricostruito al momento si è trattato di un scontro tra un camion e un altro veicolo. L’incidente stradale è avvenuto intorno alle 16:00 di giovedì, e lungo la carreggiata sud, si sono verificati 7 km di coda, mentre in direzione Firenze si sono formati 2 km di coda a causa di curiosi.

L’uomo deceduto sarebbe un quarantenne, il ferito, un uomo di 28 anni, è stato trasportato all’ospedale di Siena, in codice 3, con l’elisoccorso.

Sul luogo dell’evento con i soccorsi sanitari – automedica di Nottola, ambulanza della Pubblica assistenza di Torrita di Siena e l’ambulanza della Misericordia di Sarteano – e meccanici intervenuti i vigili del fuoco, la polstrada e personale della Direzione IV Tronco di Firenze di Autostrade per l’Italia. Agli utenti diretti a Roma Aspi consiglia di uscire a Valdichiana, imboccare la viabilità ordinaria in direzione Torrita di Siena, per poi immettersi nella Ss 326 in direzione Chiusi e rientrare in A1 a Chiusi.

L’incidente ha coinvolto un furgone ed un camion, perr cause in corso di accertamento da parte della polizia stradale di Arezzo il furgone, con alla guida l’uomo poi deceduto, ha tamponato il mezzo pesante che lo precedeva nello stesso senso di marcia. Il ferito è un ventottenne che viaggiava con la vittima e che nell’urto è stato sbalzato fuori dal mezzo: è ricoverato in prognosi riservata all’ospedale di Siena. Il conducente del furgone è invece rimasto incastrato nell’abitacolo ed i vigili del fuoco hanno lavorato più di un’ora per estrarlo dalle lamiere. Illeso il camionista.

L'articolo Incidente stradale sulla A1, un morto e un ferito da www.controradio.it.

Vaiolo delle scimmie, primo caso Siena, paziente tornato da estero

Vaiolo delle scimmie, primo caso Siena, paziente tornato da estero

Siena, primo caso di vaiolo delle scimmie individuato all’Aou Senese. Lo riferisce l’Azienda ospedaliero-universitaria spiegando che si tratta di un paziente rientrato da un viaggio all’estero e che si era recato in pronto soccorso, all’ospedale Le Scotte, con varie sintomatologie il fine settimana scorso.

Il paziente, riporta l’Aou, presentava lesioni cutnee sospette e il personale del pronto soccorso, dopo essersi consultato con l’infettivologo, ha eseguito ulteriori approfondimenti diagnostici. Le analisi hanno dato esito positivo per il vaiolo delle scimmie.

Il paziente è ricoverato in isolamento nel reparto di Malattie infettive e tropicali. A pochi giorni dal ricovero, è in condizioni stabili. I professionisti che lo hanno preso in cura il paziente hanno usato tutte le attenzioni e le precauzioni volte a prevenire il contagio, attive sempre in ospedale come misure anti-Covid.

“In prima cosa ci tengo a ringraziare i nostri professionisti per la risposta pronta e immediata al caso – ha sottolineato il direttore sanitario dell’Aou Senese, Francesca De Marco -. Febbre alta, mal di testa, dolori muscolari, mal di schiena, stanchezza e ingrossamento dei linfonodi sono i primi sintomi iniziali della patologia a cui si uniscono lesioni cutanee e vescicole. La trasmissione interumana avviene attraverso il contatto stretto con fluidi e materiale infetto proveniente dalle lesioni cutanee di una persona infetta, oppure attraverso droplet in caso di contatto prolungato faccia a faccia. Inoltre il virus può essere trasmesso per contatto diretto con i fluidi corporei di una persona infetta”.

L'articolo Vaiolo delle scimmie, primo caso Siena, paziente tornato da estero da www.controradio.it.

Siccità, Giani dichiara lo stato d’emergenza regionale

Siccità, Giani dichiara lo stato d’emergenza regionale

Siena, il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, arrivando nella città toscana, per l’inaugurazione dello smart lab di Gsk Vaccines, ha dichiarato “lo stato d’emergenza regionale”.

“Abbiamo dichiarato oggi lo stato d’emergenza regionale – ha detto il presidente Giani – e seguiremo le procedure perché attraverso lo stato di emergenza nazionale possano essere riconosciuti la rapidità di questi interventi nelle zone più delicate della nostra regione”.

“L’emergenza siccità è la valutazione di uno stato di sofferenza che è forse minore rispetto ad altre regioni – ha aggiunto Giani – perché qui noi interventi li abbiamo fatti, attraverso il lago di Bilancino che ritiene 65 milioni di mc di acqua, sta rilasciando l’acqua in un modo tale da poter fronteggiare la crisi idrica”.

“Però gli interventi sono necessari – ha concluso il presidente – penso alla laguna di Orbetello dove dobbiamo intervenire con tempestività, alla Maremma, al litorale. Tra i quattro grandi fiumi toscani la Magra, l’Arno, l’Ombrone, il Serchio ormai è sotto il livello di 3,4 mc al secondo”.

Lo stato d’emergenza regionale era stato chiesto a gran voce da Confagricoltura Toscana: “Il clima ha generato ormai una situazione tanto semplice da leggere quanto tragica: fiumi a secco, incendi, terreni agricoli senza acqua, raccolti a picco. Il nostro sistema non può reggere queste condizioni a lungo. Occorrono risorse urgenti per fare fronte ai danni causati dalla siccità. Riteniamo necessario che la Regione Toscana chieda lo stato di emergenza al Governo – così aveva detto Marco Neri, presidente di Confagricoltura Toscana – La siccità sta danneggiando migliaia di lavoratori e famiglie che vivono grazie all’agricoltura. Il caldo torrido si è abbattuto sul grano, cereali, colture, girasoli, ulivi. Non possiamo ignorare quello che è ormai un grido di aiuto, rimanendo in attesa e sperando che le condizioni migliorino”.

L'articolo Siccità, Giani dichiara lo stato d’emergenza regionale da www.controradio.it.