Hackera il profilo Facebook dell’ex moglie e poi la minaccia: denunciato

Hackera il profilo Facebook dell’ex moglie e poi la minaccia: denunciato

Ha hackerato il profilo facebook della ex moglie allo scopo di spiarne la vita privata e ha esposto sotto la casa della donna un pollo acquistato in confezione, minacciandola poi telefonicamente di farle fare la stessa fine.

Per questo motivo un 43enne di Siena è stato denunciato dai carabinieri. Dagli accertamenti sul computer dell’uomo, sequestrato durante le indagini, è infine emerso che aveva presentato un certificato medico con data di rilascio falsificata per il tesseramento presso una squadra di calcio di serie minori.

I carabinieri hanno quindi depositato questa mattina in Procura un’informativa di reato a carico del 43enne per accesso abusivo continuato a un sistema telematico, minaccia grave e falsità materiale commessa da privato in atti pubblici.

L'articolo Hackera il profilo Facebook dell’ex moglie e poi la minaccia: denunciato proviene da www.controradio.it.

Tweet pro Hitler: colleghi giurisprudenza chiedono sanzione all’unanimità

Tweet pro Hitler: colleghi giurisprudenza chiedono sanzione all’unanimità

Votata all’unanimità, dai colleghi di giurisprudenza dell’Ateneo di Siena, una mozione nella quale, nel ribadire la condanna “per le esecrabili dichiarazioni” di Emanuele Castrucci, docente di filosofia del diritto, il consiglio di dipartimento, riunitosi stamani, “si riconosce nella delibera del Senato Accademico il cui contenuto è nel senso di domandare una sanzione che, nel più rigoroso rispetto delle garanzie costituzionali, sia tempestiva e giustamente esemplare”.

Nella nota diffusa dal consiglio di dipartimento, riunitosi “in seduta allargata a tutte le componenti”, si afferma che “le esternazioni del prof.Castrucci cozzano apertamente con la linea culturale e scientifica di questo dipartimento che, non soltanto riconosce, ma pratica l’antifascismo quale valore fondante della nostra Carta costituzionale. Il Dipartimento continuerà nella sua attività didattica e di politica culturale che, nella pratica costante dei valori costituzionali, è l’unico antidoto della cultura dell’odio delle discriminazioni di ogni genere e dell’antisemitismo”. Si ribadisce anche che “per quanto consta, mai le esternazioni del prof.Castrucci sono avvenute nell’ambito dell’attività didattica”.

A chiedere a rettore e Senato accademico “tutti i provvedimenti necessari previsti dalle vigenti disposizioni” nei confronti del docente anche il dipartimento di scienze politiche e internazionali dell’Ateneo senese. “Le recenti affermazioni attribuite al professor Castrucci – spiega il dipartimento – hanno suscitato immediatamente sconcerto, sdegno e meraviglia nel corpo docente, nel personale tecnico-amministrativo e studentesco”

“Se Hitler fu un salvatore Castrucci è un professore”: questo è invece lo slogan scritto dai giovani del Cravos, l’associazione degli studenti che da questa mattina a Siena, in concomitanza con lo svolgimento del consiglio di dipartimento straordinario dell’università, ha effettuato un sit-in davanti alla sede della facoltà di giurisprudenza.

“Come studenti – hanno detto una ventina di ragazzi presenti davanti all’entrata del polo Mattioli – vogliamo prendere una posizione netta, nel nostro ateneo non sono accettati personaggi del genere”.

“Nessuno spazio può essere lasciato a chi inneggia al nazismo, nessuno spazio può essere lasciato a chi ha nostalgia di Hitler – hanno concluso – Questo professore non ha nulla da insegnare, non è degno di rappresentare il nostro ateneo”.

 

L'articolo Tweet pro Hitler: colleghi giurisprudenza chiedono sanzione all’unanimità proviene da www.controradio.it.

Tweet pro Hitler: procuratore sequestra account professore

Tweet pro Hitler: procuratore sequestra account professore

Il procurare di Siena Salvatore Vitello ha disposto il sequestro preventivo del profilo twitter del prof. Emanuele Castrucci e l’oscuramento dei tweet a sostegno di Hitler.

Per l’esecuzione di entrambi i provvedimenti sul tweet pro Hitler, di cui parla oggi la Nazione e il Corriere della Sera, è stata data delega alla polizia postale. La procura ha aperto un fascicolo di indagine ipotizzando il reato di propaganda e istigazione a delinquere per motivi di discriminazione razziale etnica e religiosa, aggravata da negazionismo.

Riguardo all’accaduto è intervenuto oggi il rettore dell’Università di Siena, Francesco Frati, il quale ha affermato: “Ho ricevuto da lui un messaggio in cui continua a rivendicare la sua libertà che secondo noi non è ammissibile perché travalica quanto previsto dalla Costituzione e dal nostro ordinamento penale”.

Frati ha specificato di non aver parlato con il professore ed è necessario, “procedere nella maniera più diretta e spedita affinché questi fatti siano perseguiti. Lo abbiamo fatto attraverso un esposto alla procura della Repubblica presso il tribunale di Siena” e “con l’avvio di un procedimento disciplinare che ovviamente seguirà le strade dettate dai nostri regolamenti interni. Quel tipo di comportamenti non deve trovare spazio nei nostri atenei. Vogliamo fare chiarezza e capire come impedire a questo professore di continuare a insegnare”, ha concluso.

 

L'articolo Tweet pro Hitler: procuratore sequestra account professore proviene da www.controradio.it.

Cetona: anziana uccisa di botte nella sua abitazione

Cetona: anziana uccisa di botte nella sua abitazione

Una donna di 84 anni è stata uccisa nel proprio letto nella villetta con giardino in cui viveva. E’ successo la scorsa notte a Cetona (Siena).

Sul caso stanno indagando i carabinieri del Nucleo investigativo di Siena e Montepulciano i quali riferiscono che l’anziana, Marisa Tosoni, sarebbe stata picchiata nella sua casa a Cetona, fino a causare la morte.

A dare l’allarme sarebbe stato il figlio 45enne che è stato interrogato dalle forze dell’ordine. I due vivevano nella stessa abitazione. Sul posto anche il sostituto procuratore del tribunale di Siena Siro de Flammineis.

L'articolo Cetona: anziana uccisa di botte nella sua abitazione proviene da www.controradio.it.

“Percorsi cosimiani”, itinerari in Toscana alla scoperta de’ Medici

“Percorsi cosimiani”, itinerari in Toscana alla scoperta de’ Medici

Ripartono da fine agosto i “Percorsi cosimiani” a Firenze e in Toscana. Dalle architetture tuttora presenti a Pisa, Arezzo, Siena e Livorno ai luoghi più intimi come Cerreto Guidi o La Verna: dalla fine di agosto ripartono i “Percorsi cosimiani”, un ciclo di itinerari gratuiti alla scoperta delle “testimonianze” del governo di Cosimo I de’ Medici organizzati dal Comune di Firenze e MUS.E, con il supporto di Unicoop Firenze in occasione del cinquecentenario della nascita di Cosimo e Caterina de’ Medici.

Con un’importante novità: il ciclo di appuntamenti non interesserà soltanto Firenze ma si estenderà ad altre parti della regione. Durante il suo percorso politico Cosimo I – straordinariamente acuto e carismatico, ma anche “principe tremendo e spaventevole”, come scrive l’ambasciatore veneto Vincenzo Fedeli – disegnò in forma indelebile un nuovo assetto architettonico e urbanistico della città di Firenze e dell’intera Toscana: eletto appena diciassettenne “capo e primario del governo della città di Firenze e suo dominio” si trovò a governare un ampio e fragile territorio che includeva vaste aree di campagna, piccoli borghi, grandi centri urbani: fra questi i vicariati di San Giovanni Valdarno, Certaldo e Scarperia; le enclaves della Lunigiana e della Garfagnana; le città di Arezzo, Pisa, Pistoia, Volterra, Cortona, a cui si aggiungerà dal 1555, dopo una guerra tanto breve quanto intensa, anche Siena.

L’itinerario dei “Percorsi in Firenze” prenderà il via dalla sua casa di famiglia, Palazzo Medici su via Larga, per ampliarsi al “quartiere mediceo” circostante, alle residenze di dignitari e consiglieri e proseguire con l’Accademia delle Arti del Disegno, la piazza e al palazzo ducale (poi divenuto il palazzo vecchio di piazza), le eleganti architetture delle magistrature e degli “uffizi”, palazzo Pitti, nuova e monumentale reggia medicea.

Fra gli emblemi di Cosimo I figurano due áncore con la scritta latina «duabus», a significare i due fondamenti del suo potere: l’alleanza con l’Impero e la fortificazione dello Stato di Toscana. Se l’alleanza con l’imperatore Carlo V marca le sorti del governo fiorentino e del giovane duca posto al suo vertice, le fortezze e i presidi costruiti per volere di Cosimo I in ogni angolo della regione si offrono come evidenti capisaldi della sua politica territoriale: i “Percorsi in Toscana” permetteranno di coglierne le evidenze più significative, da Pisa, Arezzo, Siena e Livorno a Cerreto Guidi e La Verna, testimoniando tanto la politica di riordino, controllo e difesa del Duca quanto la sua assidua frequentazione del territorio.

Per coloro che vorranno proseguire in autonomia l’applicazione multimediale sui luoghi cosimiani a cura dell’Accademia delle Arti del Disegno, sviluppata da Centrica con il supporto di Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, è scaricabile su Android https://play.google.com/store/apps/details?id=it.centrica.ubilia
e iOS https://itunes.apple.com/it/app/ubilia/id805448028.

A cura di Ufficio UNESCO – Area di Coordinamento Amministrativa del Comune di Firenze e MUS.E
Grazie a Unicoop Firenze
Per chi: giovani e adulti.
Costi: gratuito.
La prenotazione è obbligatoria. Per informazioni e prenotazioni 055-276224 info@muse.comune.fi.it, www.musefirenze.it, www.500cosimocaterina.it
Percorsi in Firenze
Quando: 29 settembre – 27 ottobre – 24 novembre h 10 e h 11.30
Dove: centro storico (partenza da Palazzo Medici Riccardi, via Cavour 1)
Durata: 1h15’ per ciascuna visita

Percorsi in Toscana
Quando e dove
– 25 agosto: Arezzo h 10 e h 11.30 e La Verna h 15.30 e h 17
– 15 settembre: Siena h 10 e h 11.30
– 20 ottobre: Villa di Cerreto Guidi h 10 e h 11.30
– 17 novembre: Pisa h 10 e h 11.30 e Livorno h 14.30 e h 16
Durata: 1h15’ per ciascuna visita
Il primo appuntamento di ogni visita è riservato ai soci Unicoop Firenze. L’eventuale viaggio per raggiungere i luoghi di visita è a cura dei singoli partecipanti. Le visite prevedono tratti da percorrere a piedi. Per lo specifico punto di inizio di ogni visita: 055-2768224 info@muse.comune.fi.it

L'articolo “Percorsi cosimiani”, itinerari in Toscana alla scoperta de’ Medici proviene da www.controradio.it.