Siena, sindaco De Mossi indagato per restauri Santa Maria della Scala

Siena, sindaco De Mossi indagato per restauri  Santa Maria della Scala

A darne notizia è stato ogi lo stesso De Mossi. I reati ipotizzati sono danneggiamento al patrimonio archeologico e concorso in reato. L’area di cantiere interessata è stata posta sotto sequestro.

Indagato il sindaco di Siena Luigi De Mossi per i restauri al complesso museale del Santa Maria Della Scala per i quali, dopo un esposto della Soprintendenza, è partita un’inchiesta. A darne notizia è stato ogi lo stesso De Mossi. I reati ipotizzati sono danneggiamento al patrimonio archeologico e concorso in reato.

L’area di cantiere interessata è stata posta sotto sequestro. “Mi è arrivato un avviso di
garanzia questa mattina in ordine a fatti che riguardano scavi archeologici al Santa Maria Della Scala”, ha annunciato il sindaco di Siena Luigi De Mossi incontrando i giornalisti.
“Francamente è la prima volta in carriera che per lavori edilizi, per reati contravvenzionali venga recapitato un avviso di garanzia come indagato al sindaco – ha aggiunto il primo
cittadino -.

È oltretutto ironico come il Comune di Siena sia anche parte offesa. Adesso ognuno si deve assumere le proprie responsabilità. Io mi sono assunto sempre le mie e continuerò a
farlo, ma devono farlo tutti”.

Tra i reati contestati, secondo quanto appreso, ci sarebbe anche la violazione di tre articoli
del Codice dei beni culturali e del paesaggio. In particolare, tra le contestazioni del pm senese Daniele Rosa, ci sono le opere illecite, violazioni in materia di ricerche archeologiche, e opere eseguite in assenza di autorizzazione o in difformità da
essa. I reati ipotizzati sarebbero stati accertati lo scorso settembre.

I lavori su cui la Soprintendenza ha effettuato l’esposto, prevedevano il restauro completo del tragitto del percorso che attraversa il Santa Maria della Scala denominato ‘la strada
interna’. Nell’informazione di garanzia sono indicate come parti offese il Comune di Siena e il Demanio culturale dello Stato.

L'articolo Siena, sindaco De Mossi indagato per restauri Santa Maria della Scala proviene da www.controradio.it.

Mps: morte Rossi; gip Genova archivia indagine

Mps: morte Rossi; gip Genova archivia indagine

Sui presunti festini hard a cui avrebbero partecipato pm senesi che poi avrebbero insabbiato le indagini sulla morte di David Rossi, ex responsabile comunicazione Mps

Il giudice per le indagini preliminari Franca Borzone ha archiviato l’indagine della procura di Genova sui presunti festini a luci rosse a cui avrebbero partecipato alcuni magistrati senesi che poi avrebbero insabbiato le indagini sulla morte di David Rossi. L’ex responsabile della comunicazione di Banca Mps venne trovato morto il 6 marzo 2013 dopo una caduta da una finestra di Rocca Salimbeni, sede dell’istituto di credito.

I legali della famiglia Rossi, gli avvocati Carmelo Miceli e Paolo Pirani, si erano opposti alla richiesta di archiviazione dei pm genovesi ma il gip non ha accolto la richiesta nonostante gli approfondimenti di indagine portati in udienza dai familiari. La procura di Genova aveva aperto un fascicolo per abuso d’ufficio e favoreggiamento della prostituzione, anche minorile, a carico di ignoti, dopo una trasmissione de Le Iene. In quella puntata l’ex sindaco di Siena Pierluigi Piccini aveva spiegato in un fuori onda che le indagini erano state “rabbuiate” a causa di quei festini. I pm genovesi avevano raccolto numerose testimonianze ma avevano chiesto l’archiviazione. Secondo la procura, vero è che nella prima indagine ci sarebbero state alcune lacune e che alcuni pm avrebbero tenuto forse dei comportamenti inopportuni, ma non ci sarebbero prove che tali comportamenti avrebbero compromesso l’inchiesta sulla morte di Rossi. Il fascicolo era stato trasmesso al Csm per valutare eventuali profili disciplinari.

L'articolo Mps: morte Rossi; gip Genova archivia indagine proviene da www.controradio.it.

Aida: Chi vive con voi a casa vostra? Partecipa al progetto

Aida: Chi vive con voi a casa vostra? Partecipa al progetto

Siena, si chiama Aida, ossia ‘Animali intrusi dentro le abitazioni’, la nuova ricerca scientifica del Museo di Storia Naturale dell’Accademia dei Fisiocritici che chiama i cittadini di ogni età a collaborare attivamente con i ricercatori nella raccolta di dati scientifici, così come già avvenuto per il progetto Clic! ‘Chiocciole e Lumache in Città’.

Aida, spiega una nota, è un progetto di monitoraggio a scala nazionale degli organismi animali invertebrati e vertebrati che vivono nelle nostre abitazioni in numero elevatissimo, alcuni invisibili, altri inaspettati o di aspetto bizzarro, spesso ospiti innocui.

Per partecipare basta essere attenti osservatori del mondo naturale di casa propria, aderire al progetto all’indirizzo https://www.inaturalist.org/projects/aida-animali-intrusi-dentro-le-abitazioni, scattare una foto dell’organismo ‘intruso’ e caricarla sulla  piattaforma web e app iNaturalist che ospita il progetto di ricerca, indicando nei commenti anche la stanza della casa a cui si riferisce lo scatto.

Tutti i dettagli si trovano nella pagina social Musnaf – Citizen Science https://www.facebook.com/musnafcitizen/ dedicata appunto alla ‘scienza partecipata’ fra ricercatori e cittadini.

Qui ogni giovedì a partire dal 14 gennaio sarà pubblicata la rubrica ‘l’intruso della settimana’ con curiosità e informazioni per aiutare a scoprire meglio questi coinquilini.

Per info si può scrivere a citizen.science@fisiocritici.it. “Una recente ricerca scientifica statunitense – afferma la naturalista Debora Barbato ideatrice e referente del progetto – ha rilevato la presenza di ben 579 specie di artropodi in 50 abitazioni del North Carolina.

Le osservazioni da noi raccolte saranno utili per la descrizione della fauna domestica autoctona ma anche per avere informazioni su possibili specie aliene, non originarie del territorio, che accidentalmente possono varcare la soglia delle nostre abitazioni, per esempio attraverso il trasporto di piante o altre suppellettili”.

L'articolo Aida: Chi vive con voi a casa vostra? Partecipa al progetto proviene da www.controradio.it.

Baby gang a Siena, 4 minori obbligo stare comunità

Baby gang a Siena, 4 minori obbligo stare comunità

Cinque misure cautelari sono state eseguite stamani dalla polizia di Siena per una presunta baby gang

Si tratta di una presunta baby gang accusata di aver imperversato, dalla fine di maggio alla fine di settembre scorsi, nel centro storico della città del Palio, “spaventando a morte i giovani coetanei – si spiega dalla Questura senese -, spesso vittime di indebite elargizioni di denaro dietro minaccia”.

Due del gruppo della baby gang sarebbero arrivati anche ad aggredire un senza dimora. In particolare per quattro presunti componenti del gruppo, composto da nove giovani tra i 14 e i 16 anni, la magistratura minorile ha disposto la misura del ‘collocamento in comunità’, per un quinto la ‘permanenza domiciliare’. Secondo quanto spiega sempre la questura di Siena, le misure riguardano i “minori più pericolosi”: gli indagati, “collocati presso diverse comunità con sedi in varie parti d’Italia, dovranno rispondere di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di reati, fra cui due rapine ed un furto, nonché del delitto di lesioni personali aggravate, in occasione del pestaggio di un giovane ‘senza tetto'”: fatto quest’ultimo avvenuto ad autunno scorso quando un bengalese, incrociato per strada da due del gruppo, sarebbe stato preso a calci e pugni dopo aver ricevuto sputi senza motivo. Le misure sono state emesse dal gip del tribunale per i minorenni di Firenze a seguito dell’inchiesta condotta dalla squadra mobile di Siena coordinata dal procuratore capo presso il tribunale minorile fiorentino Antonio Sangermano.

I provvedimenti sono stati eseguiti a Siena e provincia e uno anche a Perugia. A novembre scorso risalgono invece perquisizioni effettuate nei confronti di nove minori indagati: in quell’occasione furono sequestrati tablet e telefoni cellulari. Le indagini erano “poi proseguite senza sosta, per mettere fine a quello che era diventato un vero e proprio incubo per alcuni minorenni della città del Palio”.

L'articolo Baby gang a Siena, 4 minori obbligo stare comunità proviene da www.controradio.it.

Deposito nazionale nucleare. Due aree potenziali anche in Toscana

Deposito nazionale nucleare. Due aree potenziali anche in Toscana

La costruzione del deposito nazionale per i rifiuti radioattivi di bassa e media intensità e del Parco tecnologico annesso, prevede dei benefici economici per il territorio che lo ospiterà, sono stati identificati diversi siti in alcune regioni d’Italia. Ma chi lo vuole?

Anche in Toscana, secondo la Carta nazionale delle aree potenzialmente idonee (Cnapi) pubblicata sul sito della Sogin, sono 2 i luoghi potenzialmente idonei per il deposito nazionale delle scorie nucleari: Pienza-Trequanda in provincia di Siena e Campagnatico in provincia di Grosseto.

“Il decreto legislativo n.31 del 2010, al fine di massimizzare le ricadute socio-economiche e occupazionali legate al progetto, riconosce al territorio che ospiterà il Deposito Nazionale e Parco Tecnologico un contributo di natura economica, secondo modalità che gli Enti Locali interessati regoleranno attraverso la stipula di una specifica convenzione con Sogin – si spiega sul sito del deposito nazionale – Tutti i paesi nei quali è in corso la realizzazione di depositi per i rifiuti radioattivi hanno adottato un sistema di benefici diretti e indiretti per le comunità che ospitano questi impianti, non solo come indennizzo per la porzione di territorio che sarà occupata per un lungo periodo, ma anche per riconoscere una forma di valore aggiunto alle comunità che accettano di partecipare alla realizzazione di un servizio essenziale per lo sviluppo del Paese”.

“Il contributo – si legge ancora – sarà formalizzato con un decreto del ministro dello Sviluppo Economico, di concerto con il ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e con il ministro dell’Economia e delle Finanze”.

In particolare, per quanto riguarda il valore aggiunto per le comunità locali dalla costruzione del il Parco Tecnologico, l’idea di affiancarlo al Deposito Nazionale “risponde all’esigenza di consentirne una maggiore integrazione con il territorio che lo ospiterà, attraverso la prese;nza di attività che potranno essere concordate con le comunità locali. Queste attività saranno in grado di rafforzare il ‘valore aggiunto’ per il territorio, con il coinvolgimento di istituzioni, università, associazioni e imprese locali”.

Oltre a quelli della Toscana questi gli altri siti potenzialmente idonei:

8 in Piemonte. Due in provincia di Torino: Caluso-Mazzè-Rondissone e Carmagnola. Sei in provincia di Alessandria: Alessandria-Castelletto Monferrato-Quargnento, Fubine-Quargnento, Alessandria-Oviglio, Bosco Marengo-Frugarolo, Bosco Marengo-Novi Ligure, Castelnuovo Bormida-Sezzadio.

4 in Sicilia. Si trovano nelle province di Trapani, Palermo e Caltanissetta. Nel dettaglio, i Comuni sono Trapani, Calatafimi-Segesta, Castellana Sicula, Petralia Sottana, Butera.

14 in Sardegna. Quattro siti sono nella provincia di Oristano e dieci in comuni nel sud della Sardegna. Nel dettaglio, i comuni interessati dalla costruzione del deposito nucleare e del parco tecnologico sono: Siapiccia, Albagiara, Assolo, Mogorella, Usellus, Villa Sant’Antonio, Nuragus, Nurri, Genuri, Setzu, Turri, Pauli Arbarei, Tuili, Ussaramanna, Gergei, Las Plassas, Villamar, Mandas, Siurgus Donigala, Segariu, Guasila, Ortacesus.

22 nel Lazio. Sono 22,tutti in provincia di Viterbo i luoghi potenzialmente idonei nel Lazio per il deposito nazionale delle scorie nucleari secondo la carta Cnapi: Ischia di Castro,Canino-Cellere-Ischia di Castro,Montalto di Castro 1,Montalto di Castro2,Canino1,Tessennano-Tuscania, Arlena di Castro-Piansano-Tuscania, Piansano-Tuscania,Tuscania,Canino-Montalto di Castro1,Canino 2,Arlena di Castro-Tessennano-Tuscania,Arlena di Castro-Tuscania 1,Arlena di Castro-Tuscania2, Canino-Montalto di Castro 2, Tarquinia-Tuscania,Soriano nel Cimino, Soriano nel Cimino-Vasanello-Vignanello, Gallese-Vignanello,Corchiano-Vignanello, Corchiano-Gallese,Corchiano.

7 in Basilicata. In Basilicata sono state individuate sette aree potenzialmente idonee per la costruzione del deposito nazionale nucleare, tutti in provincia di Potenza, uno interessa anche la provincia di Matera. Sei aree ricadono nel comune di Genzano di Lucania (Potenza). Interessati anche in un caso il territorio del comune di Irsina (Matera) insieme a Genzano di Lucania e in un altro caso aree ricadenti nei territori dei comuni di Acerenza e Oppido Lucano (Potenza).

3 in Puglia. L’area di Gravina in Puglia in provincia di Bari. Ci sono anche i comuni di Altamura (in provincia di Bari) e Laterza (in provincia di Taranto) indicati per un’area individuata in condivisione con Matera in Basilicata.

L'articolo Deposito nazionale nucleare. Due aree potenziali anche in Toscana proviene da www.controradio.it.