Bonafè: “Congresso Pd deve essere rigenerativo. Risultato elezioni non soddisfacente”

Bonafè: “Congresso Pd deve essere rigenerativo. Risultato elezioni non soddisfacente”

Simona Bonafè, europarlamentare e segretaria del Pd della Toscana, si è espressa in merito al futuro del partito: “Saranno convocati gli organismi dirigenti e tutti insieme decideremo modi e tempi di questo congresso rigenerativo del Partito Democratico, ripartiremo da lì”.

Il segretario nazionale Enrico Letta “è stato molto chiaro – ha detto Bonafè – su tempi e modalità del congresso, che dovrà essere non un congresso ordinario, ma un congresso in cui dobbiamo rimettere al centro la nostra proposta politica e l’identità del Partito Democratico”. Questo perché, ha sottolineato Bonafè, “non è dalle alleanze che si costruisce l’identità di un partito”. Secondo l’eurodeputata Pd, “siamo stati il partito che anche in questa fase probabilmente ha pagato il peso della responsabilità di avere portato avanti un governo di unità nazionale, che però serviva al bene del Paese”.

“Registriamo una lieve flessione rispetto alle precedenti politiche” ma “il Pd, seppur con una percentuale molto ristretta, resta il primo partito in Toscana, chiaramente tallonato da Fratelli d’Italia: questo è un dato che
a noi preoccupa fortemente, quindi è chiaro che il risultato non è soddisfacente. Rifletteremo – ha aggiunto – sugli eventuali errori che abbiamo fatto anche noi. Voglio però ricordare che questo è un voto politico, e quindi vediamo che in Toscana, e anche in altre regioni, è stato un voto politico che prescinde anche un po’ dall’amministrazione”.

Tuttavia, ha evidenziato Bonafè, “se guardiamo il dato politico su Pisa e Siena città, vediamo che la coalizione di centrosinistra è avanti, nel caso di Pisa città anche di 10 punti. Può non significare nulla, però consideriamo questi due dati come dati che ci mettono in condizione di
lavorare con ottimismo”. Per la segretaria del Pd toscano “siamo anche la Regione in cui il peso di Italia Viva si è fatto sentire maggiormente. Se fossimo stati ancora tutti insieme non saremmo a parlare di lieve flessione: abbiamo risentito della presenza di Iv, cosa che mi porta a dire che o stiamo tutti insieme o vince la destra”.

L'articolo Bonafè: “Congresso Pd deve essere rigenerativo. Risultato elezioni non soddisfacente” da www.controradio.it.

Bonafè: “Congresso Pd deve essere rigenerativo. Risultato elezioni non soddisfacente”

Bonafè: “Congresso Pd deve essere rigenerativo. Risultato elezioni non soddisfacente”

Simona Bonafè, europarlamentare e segretaria del Pd della Toscana, si è espressa in merito al futuro del partito: “Saranno convocati gli organismi dirigenti e tutti insieme decideremo modi e tempi di questo congresso rigenerativo del Partito Democratico, ripartiremo da lì”.

Il segretario nazionale Enrico Letta “è stato molto chiaro – ha detto Bonafè – su tempi e modalità del congresso, che dovrà essere non un congresso ordinario, ma un congresso in cui dobbiamo rimettere al centro la nostra proposta politica e l’identità del Partito Democratico”. Questo perché, ha sottolineato Bonafè, “non è dalle alleanze che si costruisce l’identità di un partito”. Secondo l’eurodeputata Pd, “siamo stati il partito che anche in questa fase probabilmente ha pagato il peso della responsabilità di avere portato avanti un governo di unità nazionale, che però serviva al bene del Paese”.

“Registriamo una lieve flessione rispetto alle precedenti politiche” ma “il Pd, seppur con una percentuale molto ristretta, resta il primo partito in Toscana, chiaramente tallonato da Fratelli d’Italia: questo è un dato che
a noi preoccupa fortemente, quindi è chiaro che il risultato non è soddisfacente. Rifletteremo – ha aggiunto – sugli eventuali errori che abbiamo fatto anche noi. Voglio però ricordare che questo è un voto politico, e quindi vediamo che in Toscana, e anche in altre regioni, è stato un voto politico che prescinde anche un po’ dall’amministrazione”.

Tuttavia, ha evidenziato Bonafè, “se guardiamo il dato politico su Pisa e Siena città, vediamo che la coalizione di centrosinistra è avanti, nel caso di Pisa città anche di 10 punti. Può non significare nulla, però consideriamo questi due dati come dati che ci mettono in condizione di
lavorare con ottimismo”. Per la segretaria del Pd toscano “siamo anche la Regione in cui il peso di Italia Viva si è fatto sentire maggiormente. Se fossimo stati ancora tutti insieme non saremmo a parlare di lieve flessione: abbiamo risentito della presenza di Iv, cosa che mi porta a dire che o stiamo tutti insieme o vince la destra”.

L'articolo Bonafè: “Congresso Pd deve essere rigenerativo. Risultato elezioni non soddisfacente” da www.controradio.it.

Elezioni, Toscana: presentate liste PD

Elezioni, Toscana: presentate liste PD
Tra i candidati il PD proprone  Ilaria Cucchi nell’uninominale per il Senato a Firenze, e il costituzionalista Stefano Ceccanti confermato nell’uninominale della Camera al collegio di Pisa al posto di Fratoianni. Tre donne capolista nei tre collegi toscani plurinominali alla Camera Anna Ascani (Massa Carrara- Lucca-Pistoia-Prato-Mugello), Laura Boldrini (Grosseto-Siena-Livorno-Arezzo) e la segretaria regionale Simona Bonafè (Firenze-Pisa).
Presentate questa mattina a Firenze le liste per i collegi plurinominali di Camera e Senato del PD e degli uninominali della coalizione di centrosinistra in Toscana. “Una squadra di uomini e donne autorevoli, con un’ampissima rappresentanza che viene dalle rose dei nomi presentate dai territori” dicono dal Partio Democratico .

“Il lavoro per la composizione delle liste é stato complesso ma possiamo dire che il partito nazionale ha accolto in grandissima parte i nomi dei territori che avevamo avanzato e tutte le province toscane hanno almeno un candidato in lista in posizione eleggibile come ci eravamo proposti. Anche nei collegi uninominali correranno tutti candidati toscani del Pd, oltre a Ilaria Cucchi in rappresentanza della coalizione. Voglio ringraziare i nostri parlamentari uscenti per il loro lavoro in questi anni e per il contributo che continueranno a dare alla politica toscana – commenta la segretaria regionale del PD  Simona Bonafè -. Ora sotto con la campagna elettorale, da qui al 25 settembre ci aspetta un mese di grande impegno. Abbiamo davanti una sfida di portata enorme: ci sono due idee opposte di Italia, di Europa e di società fra noi e le destre. Sarà una campagna elettorale difficile ma niente è scontato. E noi ce la metteremo tutta. L’Italia ha bisogno del Partito democratico e saremo in prima fila per convincere ogni elettore, casa per casa, della validità della nostra proposta”.

DI SEGUITO LE LISTE PD COMPLETE ——-

COLLEGI PLURINOMINALI CAMERA:

P01
Anna Ascani
Marco Furfaro
Caterina Bini
Marco Martini

P02
Laura Boldrini
Marco Simiani
Roberta Casini
Simone De Rosas

P03
Simona Bonafè
Arturo Scotto
Caterina Bini
Federico Ignesti

COLLEGI UNINOMINALI CAMERA:

U01 Grosseto Siena
Enrico Rossi

U02 Massa
Martina Nardi

U03 Lucca
Serena Mammini

U04 Pisa
Stefano Ceccanti

U05 Livorno
Andrea Romano

U06 Prato
Tommaso Nannicini

U07 Firenze
Federico Gianassi

U08 Scandicci
Emiliano Fossi

U9 Arezzo
Vincenzo Ceccarelli

COLLEGIO PLURINOMINALE SENATO

Dario Parrini
Ylenia Zambito
Silvio Franceschelli
Caterina Biti

COLLEGI UNINOMINALI SENATO

U01 Arezzo
Silvio Franceschelli

U02 Livorno
Andrea Marcucci

U03 Prato
Anna Graziani

U04 Firenze
Ilaria Cucchi

L'articolo Elezioni, Toscana: presentate liste PD da www.controradio.it.

Bonafè, sì al rigassificatore ma garanzie a Piombino

Bonafè, sì al rigassificatore ma garanzie a Piombino

Firenze, l’on. Simona Bonafè, segretario regionale del Pd, parlando coi cronisti a margine di un evento in città, ha espresso il suo parere sul controverso caso della nave rigassificatore che il governo vorrebbe ancorare nel porto di Piombino.

“Credo che siamo chiamati a un senso di responsabilità collettivo – ha detto l’on. Bonafè – A questa Regione è stato chiesto di ospitare per due anni e mezzo un rigassificatore che servirà a dare un grande aiuto. Io credo che noi ci dobbiamo farci carico di questa responsabilità che è chiaro che ricade su un territorio che ha bisogno di risposte, a cui è già stato chiesto tanto nel passato e a cui non sono state date risposte da anni – ha spiegato Simona Bonafè – Un territorio che vive una crisi industriale molto complessa per cui credo che sul rigassificatore vadano date garanzie rispetto alla sostenibilità ambientale, ai tempi e alla sicurezza”.

“Credo anche – ha aggiunto – che contestualmente vadano date risposte per lo sviluppo di quel territorio ed è chiaro che a queste condizioni il rigassificatore da una parte risponda al senso di responsabilità che è stato chiesto a Piombino e dall’altra può diventare esso stesso un motore e un volano di sviluppo per quell’area di crisi”.

L'articolo Bonafè, sì al rigassificatore ma garanzie a Piombino da www.controradio.it.

Bonafè, forte delusione per Lucca, Pardini, la città ha scelto di ripartire

Bonafè, forte delusione per Lucca, Pardini, la città ha scelto di ripartire

Firenze, “Una forte delusione per Lucca, – afferma in una nota Simona Bonafé, segretaria del Pd toscano – dove il nostro candidato non sarà sindaco per pochi voti e una grande soddisfazione per il risultato oltre ogni aspettativa di Carrara.

“Sapevamo essere entrambe sfide aperte e lascia l’amaro in bocca la vittoria della destra a Lucca, nonostante un percorso lineare che ha visto elezioni primarie per la scelta del nostro candidato sindaco – continua Simona Bonafé  – Lucca storicamente è una città contendibile sul filo di pochi voti: già cinque anni fa il centrosinistra aveva vinto con uno stretto margine”.

“A Carrara invece Serena Arrighi riporta il Pd e il centrosinistra al governo della città con un consenso eccezionale – prosegue Bonafé -. Vengono premiate la coerenza e la serietà della candidata, del Pd e di tutti coloro che hanno mantenuto il punto sulle idee davanti a una aggregazione avversaria inedita di partiti di destra e non solo. Faremo una analisi approfondita di questa tornata amministrativa già nella segreteria convocata per oggi e nella prossima direzione”.

“Non c’è una parte che prevale sull’altra, anche se ha votato solo il 42% degli elettori la città ha scelto di ripartire e ovviamente siamo contenti. Ci speravo tanto anche se, per come siamo partiti, era difficile pensare a questo risultato – ha detto il neosindaco di Lucca, Mario Pardini, che ha dato al centrodestra il Comune vicendo in volata il ballottaggio – Vincenti sono stati i toni che abbiamo usato durante la campagna elettorale, sempre pacati, e poi siamo stati convincenti nelle proposte, soprattutto in quella di essere una alternativa possibile per la città – ha affermato – Dedico questo successo alle tante persone che fin dall’inizio hanno creduto in me e soprattutto a Vincenzo Placido che purtroppo non c’è più e con il quale è cominciato il mio percorso politico. Faccio tutti i miei complimenti a Francesco Raspini perché è stato bravissimo per tutta la campagna elettorale e ripeto non è che una parte ha prevalso sull’altra, alla fine ci ha separato una incollatura”.

L'articolo Bonafè, forte delusione per Lucca, Pardini, la città ha scelto di ripartire da www.controradio.it.