#ritrattidicittà: il futuro post-Covid immaginato dagli studenti

#ritrattidicittà: il futuro post-Covid immaginato dagli studenti

Città verdi e con tanti spazi di aggregazione, un domani venato di ottimismo e un presente vissuto con difficoltà ma anche con speranza. Così i ragazzi di Colle di Val d’Elsa, Poggibonsi, Radicondoli, San Gimignano, Volterra immaginano il futuro secondo #ritrattidicittà, concorso artistico organizzato dall’associazione Culture Attive in cui si invitavano studenti e giovani a raccontare il mondo e la vita dopo la pandemia attraverso con testi, disegni, foto e video.

L’iniziativa è stata organizzata grazie al supporto e alla sinergia con le Amministrazioni comunali di Volterra, San Gimignano, Radicondoli, Colle di Val d’Elsa e Poggibonsi, parti attive nella divulgazione del contest presso le scuole sui rispettivi territori.

28 gli elaborati in concorso, alcuni realizzati da singoli, altri in forma collettiva da intere classi o gruppi.

I premi riservati alla scuola secondaria di primo grado sono andati agli studenti Tommaso (dell’Istituto Comprensivo di Volterra, con il testo “La mia Volterra”), a Giulia (dell’Istituto Comprensivo 1 di Poggibonsi, disegno) e a Sara (dell’Istituto Comprensivo 1 di Colle di Val d’Elsa, foto collage).

Ad aggiudicarsi i riconoscimenti per la scuola secondaria di secondo grado sono stati gli studenti Chiara (del Liceo Scienze applicate dell’ Istituto Roncalli Sarrocchi di Poggibonsi, con il testo “22.29”), Sara, Andrea, Alice (dell’Istituto San Giovanni Bosco e Cennino Cennini di Colle di Val d’Elsa, con la poesia “Pandemia”), Guya (dell’Istituto San Giovanni Bosco e Cennino Cennini di Colle di Val d’Elsa, fotografia).

A dispetto di una generazione che immaginiamo ipertecnologica, gli strumenti più utilizzati dagli studenti sono stati il disegno e la tecnica del collage. Dagli elaborati in concorso sono emerse riflessioni profonde: da un lato fiducia e ottimismo nel futuro, dall’altro tutte le difficoltà del momento che attraversiamo, in particolare la separazione forzata dai coetanei.

La giuria era composta da Martina Marolda, storica dell’arte (per Associazione Culture Attive), Carolina Taddei, storica dell’arte e assessora alla cultura del Comune di San Gimignano, Michela Eremita, storica dell’arte e direttrice del Museo d’Arte per Bambini di Siena, Laura Manzi, operatrice culturale, e Massimo Ricciardo, artista e insegnante.

#ritrattidicittà ha avuto anche un’appendice torinese, grazie all’artista e docente Massimo Ricciardo, che ha fatto proprio il progetto coinvolgendo classi secondarie di primo grado del capoluogo piemontese.

“È un onore per Volterra – dichiara l’assessora all’Istruzione Viola Luti – avere tra i propri alunni un vincitore di questo importante concorso partecipativo. Il progetto, che mette al centro le idee delle giovani generazioni sulle proprie città, può davvero contribuire alla rigenerazione e alla riconfigurazione dello spazio urbano attraverso l’umanità e il sapere diffuso che ogni comunità locale conserva. E proprio lo sguardo rivolto al futuro dei giovani – conclude Luti – ci dà la forza per guardare con coraggio e speranza al superamento di questa fase storica così difficile, tutte e tutti insieme”.

Susanna Salvadori, assessora alle Politiche Educative del Comune di Poggibonsi, torna a ribadire l’importanza di “continuare a pensare la città, anche in questo periodo in cui il contatto con l’esterno è venuto meno. Pensare la città vuol dire pensare se stessi. E noi siamo le relazioni che costruiamo. È questa l’ottica in cui pensare al futuro: insieme alla sostenibilità, alla capacità di inventare e rendere attrattive le nostre realtà. L’altro aspetto da sottolineare – prosegue Salvadori – è la collaborazione tra tanti comuni, scuole e istituzioni. Perché è questa questa collaborazione che ci rende forti, ci rende comunità, e ci aiuta a pensare il mondo dopo il Covid”.

“Faccio le più sentite congratulazioni da parte dell’amministrazione di Colle di Val d’Elsa agli studenti premiati, in particolare ai cinque della nostra città – dichiara l’assessore alla Cultura Cristiano Bianchi – ma nello stesso tempo mi preme ringraziare tutti quelli che hanno partecipato a Ritratti di Città, perché hanno contribuito con i loro progetti e la loro immaginazione a darci uno spunto importante, uno sguardo dentro e soprattutto oltre il momento che stiamo vivendo. È fondamentale infatti che il modo in cui immaginiamo il futuro ci sia indicato da coloro che lo abiteranno”.

Giulia – contest Ritratti di Città


“Un contest che ha saputo dare voce ai nostri ragazzi – afferma Carolina Taddei, assessora alla Cultura del Comune di San Gimignano – ai loro sogni e idee di futuro: una comunità giovane e resiliente che, grazie all’arte, alla cultura, sa indicarci la direzione da cui ripartire”.

“Gli avvenimenti che hanno caratterizzato il 2020 – dichiara Luca Moda, assessore alla Cultura di Radicondoli – sono destinati probabilmente a modificare il nostro modo di vita e di lavoro e di conseguenza la visione delle nostre città. La prospettiva degli studenti è certamente un punto di vista attuale e rappresentativo che deve fare riflettere gli amministratori.  Il sentimento di ottimismo e fiducia nel futuro che traspare dai progetti, lo condividiamo come Amministrazione e fa piacere ritrovarlo in chi sarà domani il protagonista della nostra società. Ringrazio la Regione Toscana e il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato per la sensibilità dell’iniziativa, l’associazione Culture Attive per la realizzazione del progetto, gli altri Comuni coinvolti, ma soprattutto i ragazzi che hanno voluto partecipare con tale entusiasmo”.

Concorso organizzato dall’associazione Culture Attive di San Gimignano in collaborazione con le Amministrazioni comunali di Volterra, San Gimignano, Radicondoli, Colle di Val d’Elsa e Poggibonsi nell’ambito del progetto “Ritratti di Città – Per una narrazione contemporanea dell’arte ambientale” con il contributo della Regione Toscana, tramite il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato, nell’ambito di Toscanaincontemporanea2020. Info https://www.facebook.com/CultureAttive

L'articolo #ritrattidicittà: il futuro post-Covid immaginato dagli studenti proviene da www.controradio.it.

“Ritratti di città”: concorso artistico sulla vita dopo la pandemia

“Ritratti di città”: concorso artistico sulla vita dopo la pandemia

Raccontare il mondo e la vita che immaginiamo dopo la pandemia, le visioni future delle città: sono i temi del concorso aperto agli studenti e alle studentesse di San Gimignano, Poggibonsi, Colle di Val d’Elsa e Radicondoli.

Le iscrizioni terminano il 20 novembre 2020 e si può partecipare con testi, disegni, foto, audio  e video. Rivolto in particolare agli studenti e alle studentesse delle scuole primarie e secondarie, il concorso mette in palio, per i primi classificati, visite guidate ai tesori di arte ambientale della Valdelsa, materiali da disegno, libri, zainetti, shopper, copie dell’art-comics “Il Dormiente”.

“Dopo ‘Archifest – Abitare il mondo altrimenti’ – afferma Cristiano Bianchi, Assessore alla Cultura del Comune di Colle di Val d’Elsa – questa sarà un’altra opportunità per immaginare il futuro di Colle Val d’Elsa. La città conferma la sua vocazione all’arte contemporanea e all’architettura. La multidisciplinarietà del contest e le giovani voci che lo animeranno, aprono stavolta scenari inediti. Sarà anche uno spaccato sociologico del momento che stiamo vivendo, drammatico, filtrato attraverso i linguaggi delle arti digitali. E’ infatti di fondamentale importanza che la nuova idea di futuro, da perseguire alla fine di questa emergenza, ci sia indicata proprio dai ragazzi e dalle ragazze che quel futuro abiteranno”.

Dice Susanna Salvadori, assessora alla Politiche Educative del Comune di Poggibonsi: “E’ un invito alla creatività, a guardarsi fuori e dentro. E’ un invito a guardare avanti, al di là delle difficoltà enormi del momento. Perché se è vero che non scegliamo noi cosa vivere, possiamo scegliere noi come viverlo. E che direzione dare alla realtà circostante. Buon lavoro, dunque”.

“E’ un progetto – come afferma Luca Moda, Assessore alla Cultura del Comune di Radicondoli – che punta sulla creatività e lascia carta bianca a giovani e giovanissimi. Una fotografia dei lori umori e delle loro speranze, scattata in uno dei momenti più difficili della nostra storia. Ne faremo tesoro”.

“E’ sempre stato forte il legame tra il patrimonio artistico della nostra città e la contemporaneità – spiega Carolina Taddei, Assessora alla Cultura del Comune di San Gimignano – il contest darà voce soprattutto alle nuove generazioni, un punto di vista essenziale per progettare il futuro. In un momento come questo, la cultura è capace di resistere nonostante tutto e di darci conforto”.

“Il coinvolgimento delle scuole in questo progetto – dichiara l’assessora all’Istruzione del Comune di Volterra Viola Luti – è particolarmente importante perché lo sguardo delle giovani generazioni sulle proprie città può contribuire a una riconfigurazione dello spazio urbano, dei tempi e dello stile di vita. Il loro contributo è una risorsa preziosa per il futuro di tutti”.

Il concorso è organizzato dall’associazione Culture Attive di San Gimignano nell’ambito del progetto “Ritratti di Città – Per una narrazione contemporanea dell’arte ambientale” con il contributo della Regione Toscana, tramite il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato, nell’ambito di Toscanaincontemporanea2020.

Gli elaborati devono essere inviati tramite Wetransfer all’ e-mail

 

L'articolo “Ritratti di città”: concorso artistico sulla vita dopo la pandemia proviene da www.controradio.it.