Ciclabili, 800.000 euro per piste e rastrelliere bici

Ciclabili, 800.000 euro per piste e rastrelliere bici

Firenze, nuovi investimenti per la mobilità ciclabili. Nell’ultima seduta del 2021 la Giunta comunale ha approvato due delibere che prevedono complessivamente oltre 813mila euro di stanziamenti dedicati alla realizzazione di nuove piste ciclabili, alla manutenzione di quelle esistenti e alla collocazione di nuove rastrelliere.

Si tratta dell’approvazione dei progetti definitivi delle piste ciclabili di via Toselli e di via Pio Fedi, che prevedono un chilometro di nuovi percorsi per una spesa quasi 637mila euro, e dell’accordo quadro relativo alla manutenzione dei percorsi esistenti (ulteriori 176mila euro).

“Le piste ciclabili di via Toselli e via Pio Fedi sono particolarmente importanti – afferma l’assessore alla mobilità Stefano Giorgetti – perché collegano percorsi esistenti ampliando di circa un chilometro e rendendo più funzionale la rete dedicata a chi si muove in bicicletta. Durante la progettazione è stata dedicata grande attenzione alla riorganizzazione della viabilità con riduzioni della sede stradale dedicata ai veicoli in via Toselli e su via Pio Fedi tra via Massa e via Canova e l’istituzione di un senso unico sull’altro tratto di via Pio Fedi interessato dal progetto, quello tra via dell’Argingrosso e via Massa. Questi interventi consentiranno non solo il mantenimento dei posti auto ma anche l’aumento degli stalli per scooter e un miglioramento della sicurezza stradale”.

L'articolo Ciclabili, 800.000 euro per piste e rastrelliere bici da www.controradio.it.

Autolinee Toscane: a rischio trasporti bus

Autolinee Toscane: a rischio trasporti bus

Firenze, sarebbero 530 gli autisti di Autolinee Toscane, azienda che gestisce il trasporto pubblico su gomma in Toscana, malati o in quarantena a causa del Covid. Per questo Autolinee Toscane parla di “servizio a rischio”, preannunciando che il personale sarà concentrato “sulle corse per gli istituti scolastici e pendolari”.

“Su meno di 4mila autisti – afferma Gianni Bechelli, presidente di Autolinee Toscane – ben 530 ora non possono lavorare, un numero in costante aumento, giorno dopo giorno. E il problema non riguarda solo loro ma tutta l’attività che sta dietro ai bus che portano i toscani al lavoro o a scuola, dalla manutenzione alle attività di organizzazione fino alle biglietterie”.

“Abbiamo chiesto ai nostri autisti e in generale a tutti i dipendenti, in questo periodo – prosegue Bechelli – sia di fare straordinari che di saltare le ferie, quando possibile e utile. Li ringraziamo per l’enorme impegno che stanno dando. Ma temiamo, purtroppo siamo quasi certi, che non sarà abbastanza per garantire il servizio completo al ritorno dell’orario scolastico, con la riapertura delle scuole”.

“Per questo, da giorni stiamo riorganizzando il servizio per poter garantire, dal 7 gennaio, le corse in orario scolastico e nelle ore di punta per i pendolari che vanno e tornano dal lavoro. Lanciamo un messaggio chiaro e trasparente: fuori da queste fasce è molto probabile che ci saranno meno bus in circolazione, sia in ambito urbano che extraurbano. Ci dispiace, faremo tutto il possibile, ma la situazione è di emergenza. Abbiamo avvisato ovviamente le istituzioni ma chiediamo ai media di far arrivare il messaggio: cerchiamo di fare tutto il possibile, ma non sarà mai sufficiente, fino a quando questa ondata della pandemia non si fermerà”.

Autolinee Toscane sta anche cercando di accelerare la campagna di 200 assunzioni che ha lanciato qualche settimana fa, aprendo un portale per semplificare la selezione.

L'articolo Autolinee Toscane: a rischio trasporti bus da www.controradio.it.

Giani: due nuove linee bus per Polo di Sesto

Giani:  due nuove linee  bus per Polo di Sesto

Due nuove linee per raggiungere il Liceo Agnoletti a Sesto Fiorentino (Firenze) e il potenziamento di quelle esistenti (la 57, la 59, la 66, la 74 e la 86). Al Polo Scientifico scatta la rivoluzione del trasporto pubblico. Lo ha annunciato il presidente della RegioneToscana Eugenio Giani

A volere questo cambio di passo il presidente Eugenio Giani e ieri in giunta è arrivato il via libera con l’approvazione della delibera con cui la Regione stanzia 66.000 euro da destinare appunto all’istituzione dei nuovi collegamenti per l’istituto scolastico che aprirà i battenti dopo la fine delle feste natalizie. “Il mio impegno su questo è massimo” ha detto il presidente Giani.

“L’istituzione di due nuove linee e il potenziamento delle esistenti rappresentano una rivoluzione del trasporto pubblico verso il Polo scientifico di Sesto. Ci siamo impegnati con 10 milioni di euro per la realizzazione del nuovo liceo – ha spiegato Giani – segno che per noi è un’opera di interesse strategico regionale”.

“Il Liceo Agnoletti – prosegue ancora il presidente – è nel cuore baricentrico dell’area del Polo Scientifico di Sesto, è quindi evidente che il nuovo trasporto pubblico avrà funzione fondamentale per la vitalità di tutto il polo. Abbiamo il dovere di assicurare agli studenti e a tutto il personale scolastico trasporti pubblici efficienti e frequenti. Stiamo lavorando in questa direzione con i Comuni di Firenze, Sesto, Campi, Calenzano, l’università, la Città metropolitana e Autolinee Toscane”.

Giani è poi entrato nel dettaglio spiegando che una nuova linea sarà dedicata al collegamento della zona di Rifredi con il Polo scientifico e sarà in funzione dal lunedì al sabato, mentre l’altra sarà dedicata proprio a migliorare il collegamento fra le varie zone del Comune di Sesto e il Polo. Soddisfatto anche l’assessore alle infrastrutture e trasporti Stefano Baccelli proponente della delibera. “Dotare le strutture, soprattutto quelle scolastiche di collegamenti rapidi e potenziati è una nostra priorità. Solo così – ha concluso Baccelli – possiamo pensare di aumentare l’utilizzo del mezzo pubblico a favore di una mobilità più sostenibile e funzionale” (

L'articolo Giani: due nuove linee bus per Polo di Sesto da www.controradio.it.