Aerei: in Toscana voli cancellati per sciopero. Disagi a Firenze e Pisa

Aerei: in Toscana voli cancellati per sciopero. Disagi a Firenze e Pisa

Sono per il momento una trentina i voli cancellati in Toscana per lo sciopero dei trasporto aereo, con ricadute soprattutto sull’aeroporto di Firenze (almeno 25 cancellazioni tra partenze e arrivi) rispetto allo scalo pisano (4 cancellazioni).

Voli cancellati non solo a Firenze, ma anche al “Galilei” di Pisa, dove stamani si è svolto anche uno sciopero con presidio dei sindacati dei lavoratori dello scalo e dell’handling. Sono centinaia i passeggeri in attesa da ore a causa di ritardi e soppressioni che risentono anche degli scioperi negli altri aeroporti europei.

“Il traffico è ripartito a pieno regime – hanno denunciato Cgil, Cisl, Uil e Ugl durante il presidio svoltosi a Pisa – ma Toscana Aeroporti non ha garantito un numero adeguato di personale, soprattutto per il settore dell’handling con conseguenti disagi per l’utenza e condizioni di lavoro non sicure, perché non siamo in grado di garantire un’adeguata assistenza ai voli”.

Da tempo, hanno proseguito i rappresentanti dei lavoratori, “abbiamo cercato di stimolare le società Toscana Aeroporti (oltre 300 addetti) e Toscana Aeroporto Handling (oltre 400 addetti) a prepararsi a una fase dove la diminuzione delle restrizioni dovute alla pandemia e la capacità di offerta da parte delle compagnie avrebbe potuto determinare una ripresa improvvisa dei viaggi da parte delle persone, ma non siamo stati ascoltati.”

“La mancanza di programmazione adeguata da parte delle aziende – hanno osservato ancora i sindacati – ha determinato turni scoperti, squadre ridotte e notevoli carichi di lavoro sugli addetti che sono insufficienti a gestire le attività, situazione aggravata anche dai numerosi eventi di aggressione da parte dei passeggeri verso gli addetti, eventi che abbiamo denunciato inutilmente”.

L'articolo Aerei: in Toscana voli cancellati per sciopero. Disagi a Firenze e Pisa da www.controradio.it.

Nuovo sciopero a Firenze e Pisa contro vendita Toscana Aeroporti Handling

Nuovo sciopero a Firenze e Pisa contro vendita Toscana Aeroporti Handling

Nuovo sciopero annunciato per il prossimo 26 luglio dei lavoratori degli aeroporti di Firenze e Pisa contro la decisione della società di gestione Toscana aeroporti di cedere la Ta handling.

Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti e Ugl hanno inoltro promosso per lunedì un presidio allo scalo pisano Galilei dalle 10.30-12.30.

“La decisione della vendita della società Toscana Aeroporti Handling da parte di Toscana Aeroporti – si legge in una nota dei sindacati regionali – ha aperto un conflitto che vedrà una terza azione di sciopero, dopo tanti presidi e dopo che i sindacati hanno portato all’attenzione di tutte le istituzioni la propria posizione di contrarietà, al completamento di questa operazione.

Un futuro già incerto a causa della pandemia è diventato ancora più incerto, per tutti i lavoratori che operano nel settore, ponendo forti dubbi sul loro futuro e sulle loro condizioni di lavoro e sui loro salari.

Abbiamo sempre ribadito che la pandemia doveva essere superata con senso di responsabilità e attenzione, ma abbiamo anche sempre ribadito che la ripresa doveva essere una occasione da cogliere per costruire, tutti insieme, la migliore ripartenza possibile e fare in modo che gli aeroporti toscani si confermassero luoghi di buon lavoro e di crescita per le maestranze impegnate. La scelta di Toscana Aeroporti invece è stata quella di escludere dal processo futuro 🎧 Aeroporti Pisa e Firenze: vendita Handling confermata entro luglio e nuovo sciopero Usb e mettendo di fatto in discussione in maniera ancora più pesante i lavoratori in appalto”.

L'articolo Nuovo sciopero a Firenze e Pisa contro vendita Toscana Aeroporti Handling da www.controradio.it.

Toscana Aeroporti Handling: sindacati, Regione Toscana pronta a confronto

Toscana Aeroporti Handling: sindacati, Regione Toscana pronta a confronto

Riferiscono in una nota Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uilt-Uil e Ugl, in seguito a un incontro avuto su Toscana Aeroporti Handling con gli assessori regionali Nardini, Baccelli e Marras

La Regione Toscana è disponibile “ad aprire nell’immediato un confronto specifico con Toscana Aeroporti” sul destino di Toscana Aeroporti Handling, “coinvolgendo anche il sindacato per ricercare delle soluzioni, fare chiarezza e mettere in sicurezza i lavoratori”. E’ quanto riferiscono in una nota Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uilt-Uil e Ugl, in seguito a un incontro avuto con gli assessori regionali al lavoro Alessandra Nardini, ai trasporti Stefano Baccelli e allo sviluppo economico Leonardo Marras.

“Abbiamo lanciato l’idea di creare un tavolo di lavoro – sottolineano -, che a fronte del censimento di tutte le lavorazioni specifiche e delle professionalità possedute dalle maestranze, per istituire un piano di formazione, attingendo dalle risorse economiche sia dal fondo nazionale che da quello regionale, per mettere i lavoratori in aula e coinvolgerli e tenerli formati. Questo permetterà che quando la ripresa partirà di essere pronti a rispondere alla domanda del lavoro. Su questo tema, l’assessora Nardini ha recepito questa opportunità e verificherà la possibilità di procedere in questa direzione, inoltre ha dato disponibilità a fare un focus sugli appalti che per primi rischiano di subire la scellerata scelta della vendita dell’Handling”. Su questa ultima ipotesi “non accetteremo mediazioni al ribasso”, aggiungono i sindacati, con l’obiettivo di “garantire i lavoratori sia sul piano salariale che occupazionale: metteremo in campo tutte le iniziative necessarie per arrivare ad una soluzione positiva per i lavoratori”

L'articolo Toscana Aeroporti Handling: sindacati, Regione Toscana pronta a confronto proviene da www.controradio.it.