Disco della settimana: BADBADNOTGOOD “Talk Memory”

Disco della settimana: BADBADNOTGOOD “Talk Memory”

Jazz, hip-hop, suggestioni cinematiche, un pizzico di progressive ed un approccio “alternative” sono l’amalgama vincente dei BADBADNOTGOOD, interessantissimo ensemble canadese alle prese con il suo quinto album.

YouTube Video

BadBadNotGood è un gruppo di musica strumentale canadese e un team di produzione di Toronto, Ontario. Il gruppo è stato fondato nel 2010 dal bassista Chester Hansen, dal tastierista Matthew Tavares e dal batterista Alexander Sowinski. Nel 2016, sono stati affiancati dal collaboratore Leland Whitty. Tra gli altri progetti, il gruppo ha pubblicato cinque album in studio, compreso l’ultimo, Talk Memory, appena pubblicato. Hanno avuto un enorme successo tra pubblico e critica, trovando fan nelle comunità hip hop, jazz e musica alternativa.

Il gruppo combina la musica jazz con una prospettiva di produzione hip hop ed è ben noto per le sue collaborazioni con artisti come Tyler, The Creator, Daniel Caesar, Mick Jenkins, Kendrick Lamar e Ghostface Killah. Per il loro lavoro di composizione e produzione, sono stati nominati per quattro Grammy Awards, vincendone due.
Il nuovo album, un lavoro basato per lo più su session di improvvisazione, è stato prodotto e scritto dal trio con il contributo degli strumentisti americani Laraaji, Karriem Riggins, Terrace Martin e Brandee Younger e arrangiamenti per archi del compositore brasiliano Arthur Verocai.
YouTube Video

Dopo la promozione sui social media all’inizio di luglio, la band ha annunciato ufficialmente l’album il 15 luglio 2021, pubblicando il singolo principale “Signal from the Noise”.

Così in una recente intervista la band ha descritto il processo creativo alla base delle sue produzioni: “Quello che facciamo è avvicinarci alla musica da una formazione jazz. Usiamo il linguaggio jazz quando scriviamo, ma non siamo poi i migliori musicisti del genere, quindi non cerchiamo di vederci come innovatori prolifici perché il jazz ha questa storia di progressione costante senza limiti con otto ore al giorno di pratica. Abbiamo allora imparato a trovare interessi diversi – che si tratti di produzione, tecniche di registrazione, scrittura, esplorazione di generi musicali completamente diversi – invece di far progredire i nostri strumenti di per sé come solisti. Ascoltiamo Coltrane e Sun Ra e tutti questi avanguardisti, ma per noi siamo nell’era di Internet e dell’epoca in cui viviamo amiamo studiare tutto. È questa strano processo in corso per cui per noi è importante continuare a essere istruiti e imparare”.

YouTube Video

Uscito per XL Recordings and Innovative Leisure, “Talk Memory” dei BADBADNOTGOOD è il nostro Disco delle settimana!

L'articolo Disco della settimana: BADBADNOTGOOD “Talk Memory” da www.controradio.it.

Disco della settimana: Shaun Ryder “Visits From Future Technology”

Disco della settimana: Shaun Ryder “Visits From Future Technology”

“Visits From Future Technology” è il secondo album solista, a distanza di una ventina d’anni dal precedente “Amateur Night In The Big Top”, di Shaun Ryder, figura ormai leggendaria della Madchester degli Happy Mondays, artefici della rinascita della club culture nei tardi anni ’80. Nel mio delirante cervello colpito da disturbo da deficit di attenzione iperattività questo è il mio Sgt. Pepper, pieno di canzoni variegate”.

YouTube Video

In pista da quarant’anni, dalla fondazione degli Happy Mondays, Shaun Ryder ha una produzione musicale tutto sommato contenuta, cinque album in studio con la sua prima band, tre con i Black Grape e due da solista, compreso il nuovo Visits From Future Technology

L’album contiene un variegato mix di stili, diretto, giocoso e “catchy”, tra funk, Madchester, sixties, reminiscenze clashiane e i consueti fumi lisergici. “Nel mio delirante cervello colpito da disturbo da deficit di attenzione iperattività questo è il mio Sgt. Pepper, pieno di canzoni variegate”. E’ il nostro Disco della settimana.

YouTube Video

Recentemente a Ryder è stata diagnosticata una forma grave di disturbo da deficit di attenzione e iperattività, «mi dicono che i miei testi siano pieni di metafore. Credo sia vero, anche se onestamente ho dimenticato quale sia la definizione di ‘metafora’Ho cominciato a drogarmi a causa del disturbo da deficit dell’attenzione, ero un diverso e mi sentivo normale quando prendevo droghe»

Bez, suo sodale negli Happy Mondays ha rivelato come Ryder abbia scritto nuova musica anche con Noel Gallagher sebbene questo materiale non sia presente nella tracklist.

L'articolo Disco della settimana: Shaun Ryder “Visits From Future Technology” da www.controradio.it.

Disco della settimana: AAVV “I’ll Be Your Mirror”

Disco della settimana: AAVV “I’ll Be Your Mirror”

E’ proprio la Verve Records, l’etichetta originale dei The Velvet Underground, a pubbliicare l’album tributo I’ll Be Your Mirror: A Tribute to the Velvet Underground and Nico con i contributi di Michael Stipe, Matt Berninger, Sharon Van Etten, Kurt Vile, St. Vincent, Thurston Moore, Bobby Gillespie, Courtney Barnett, Fontaines D.C. Iggy Pop e molti altri.

Supervisore e produttore esecutivo di I’ll Be Your Mirror è stato Hal Willner, amico e produttore di Lou Reed, che ci ha lasciati lo scorso anno e che ha messo in questo suo ultimo lavoro tutto l’amore e la stima che ha sempre nutrito per Lou. Il brano che ha anticipato l’album è una versione di Kurt Vile & The Violators di “Run Run Run”.
YouTube Video

La pubblicazione di I’ll Be Your Mirror è solo l’inizio di una robusta campagna prevista per il 2021. L’album è stato ideato nel 2017, proprio quando Todd Haynes ha firmato per dirigere “The Velvet Underground”, l’attesissimo film Apple Original recentemente presentato al Festival di Cannes nonché prima prova per il regista nell’ambito dei documentari. Apple Original Films e Polygram Entertainment presentano “The Velvet Underground”, in collaborazione con Federal Films, una produzione di Motto Films e Killer Films. “The Velvet Underground” arriverà nei cinema di tutto il mondo e su Apple TV+ il 15 ottobre e sarà accompagnato da una colonna sonora curata da Randall Poster e Todd Haynes disponibile via Republic/UMe.
YouTube Video

La pubblicazione nel 1967 dell’album d’esordio dei Velvet Underground, intitolato The Velvet Underground & Nico e che riportava sull’iconica copertina la banana disegnata da Andy Warhol, è stata determinante per avviare quel processo di infiltrazione estetica che tutti conosciamo oggi. L’album ha ridefinito i confini del rock & roll, dando vita al concetto di alternative rock e gettando le basi per il punk, il grunge e tutti gli altri movimenti underground a seguire.

Prima dei Velvet Underground, nessuno avrebbe mai pensato che una band potesse diventare importante senza avere almeno una hit nel proprio repertorio. Reed, invece, ha sempre creduto nel fascino del rock & roll, nella capacità di andare oltre la contemporaneità e sfondare ogni barriera temporale, essendo poi riconosciuto al pari delle arti “nobili” come la poesia, la narrativa, il dramma, la pittura e tutte le altre. Se anche i Velvet avessero pubblicato quest’unico album, sarebbero comunque passati alla storia come una delle rock band più rilevanti e influenti.

I’ll Be Your Mirror: A Tribute to the Velvet Underground & Nico vede la partecipazione di Michael Stipe, Matt Berninger, Sharon Van Etten with Angel Olsen, Andrew Bird, Lucius, Kurt Vile & The Violators, St. Vincent & Thomas Bartlett, Thurston Moore, Bobby Gillespie, King Princess, Courtney Barnett, Fontaines D.C., e Iggy Pop & Matt Sweeney. Un vero e proprio tributo, traccia dopo traccia, all’album originale.

Parte del ricavato delle vendite dell’album verrà devoluta ad Amnesty International, di cui lo stesso Lou Reed era sostenitore.

Questa la tracklist di quello che è il nostro Disco della Settimana

I’ll Be Your Mirror: A Tribute to the Velvet Underground and Nico

  1. Sunday Morning – Michael Stipe (3:50)
  2. I’m Waiting For The Man – Matt Berninger (3:44)
  3. Femme Fatale – Sharon Van Etten (w/ Angel Olsen on backing vocals) (4:43)
  4. Venus In Furs – Andrew Bird & Lucius (6:55)
  5. Run Run Run – Kurt Vile & The Violators (6:59)
  6. All Tomorrow’s Parties – St. Vincent & Thomas Bartlett (4:52)
  7. Heroin – Thurston Moore feat. Bobby Gillespie (7:24)
  8. There She Goes Again – King Princess (3:29)
  9. I’ll Be Your Mirror – Courtney Barnett (2:27)
  10. The Black Angel’s Death Song – Fontaines D.C. (3:12)
  11. European Son – Iggy Pop & Matt Sweeney (7:45)
YouTube Video

L'articolo Disco della settimana: AAVV “I’ll Be Your Mirror” da www.controradio.it.

Lora and The Stalkers ascolta l’intervista

Lora and The Stalkers ascolta l’intervista

Lora and The Stalkers, la band romana ci racconta il nuovo disco “No desire control”, uscito lo scorso 17 settembre su Blind Faith records. Tra wall of sound e dream-pop. L’intervista a cura di Giustina Terenzi

Registrate da Luca Sapio a Roma ai Blind Faith Studios, i brani di No Desire Control parlano di desiderio, passione, fantasia e riscatto, un universo emotivo che tocca le coscienze di tutti, tra reminiscenze del passato e speranze nel futuro. La musica di Lora and The Stalkers è un atto d’amore verso il rock viscerale ed energico, tra il post-punk di Manchester, le armonie californiane Anni ’50 e ’60 e la scena romana, con rimandi a visioni estatiche tipiche della scena dream pop contemporanea. Da Phil Spector ai Chromatics con Norman Petty e Dick Dale nel cuore.

Lora and The Stalkers nascono nel 2016 dalla cantante e musicista Lora Ferrarotto e dal polistrumentista e compositore Alex Meozzi, attivo anche nella resident band del programma tv Stracult. Due anni dopo debuttano con un disco autoprodotto e l’anno scorso entrano nel roster della Bilnd Faith, la label romana  che ha già nel roster la leggendaria Marta High, la leggendaria diva soul/funk e vocalist di James Brown, il pluripremiato Sugaray Rayford, il polistrumentista maliano Baba Sissoko e il bassista jazz Pierpaolo Ranieri.

YouTube Video

L'articolo Lora and The Stalkers ascolta l’intervista da www.controradio.it.

Disco della settimana: Adia Victoria “A Southern Gothic”

Disco della settimana: Adia Victoria “A Southern Gothic”

Accanto ad artisti come Valerie June o Fantastic Negrito, Adia Victoria fa parte di un movimento che dalla musica delle radici, il blues, sta dando nuova vita alla musica del XXI secolo. Una riflessione sul Sud degli Stati Uniti fra echi della tradizione e consapevolezze contemporanee.

YouTube Video

Il nuovo album di Adia Victoria, A Southern Gothic, è uscito il 17 settembre per Canvasback Records. Il disco è stato prodotto da T Bone Burnett e include contributi di ospiti di Jason Isbell, Margo Price e Matt Berninger di The National. A Southern Gothic è il terzo album di Adia e segna il seguito dell’acclamato Silences del 2019, prodotto da Aaron Dessner. «Volevo evocare il lato etereo del Sud, l’umidità, il calore, il modo in cui cadiamo nelle profondità dell’inferno e saliamo in paradiso. Volevo incapsulare i lati estremi del Sud».

YouTube Video


L’album è stato anticipato dal brano “Magnolia Blues”, Jon Freeman di Rolling Stone ha descritto la canzone come “una melodia inquietante, guidata da una chitarra acustica, che si espande in un basso corposo e un’orchestra spettrale di archi e banjo“.

Victoria è nata nella South Carolina e vive a Nashville. Ha girato gli Stati Uniti e l’Europa durante il “Dope Queen Tour” che includeva un’esibizione su Live From Here con Chris Thile e al Prospect Park di Brooklyn, al Newport Folk Festival e un’esibizione al Mass MOCA e al Boston Calling. È anche apparsa in The Late Show With Stephen Colbert.

“A Southern Gothic” è il nostro Disco della settimana.

YouTube Video

Official Site: www.adiavictoria.com

L'articolo Disco della settimana: Adia Victoria “A Southern Gothic” da www.controradio.it.