I Hate My Village, l’intervista

I Hate My Village, l’intervista

Torna il ‘super gruppo’ degli I Hate My Village. Formazione che vede coinvolti Fabio Rondanini (Calibro 35, Afterhours), Marco Fasolo (Jennifer Gentle), Alberto Ferrari (Verdena) e Adriano Viterbini (Bud Spencer Blues Explosion) intervistato da Dario Russel.

Torna una delle band che più ha incuriosito ed entusiasmato pubblico e stampa: gli IHMV sono infatti, senza dubbio, uno dei gruppi rivelazione degli ultimi anni. Fondata da Adriano Viterbini (BSBE) e Fabio Rondanini (Afterhours, Calibro 35) con la stretta partecipazione di Marco Fasolo (Jennifer Gentle) e Alberto Ferrari (Verdena), la band licenzia l’omonimo album d’esordio il 18 gennaio 2019 per La Tempesta.

Terminati i live la voglia di suonare è ancora tanta. I Hate My Village si ritrovano in studio e iniziano a registrare le prove su un registratore a cassetta, riesumato direttamente dagli anni ’90. Sfruttando i limiti della banda magnetica di un supporto obsoleto e per questo avveniristico, IHMV riescono a trovare in questi limiti un grande potenziale creativo e il registratore diventa lui stesso uno strumento.

Tutta la musica di queste sessioni – che sono diventate un EP uscito a luglio risente e gode allo stesso tempo di questa attitudine ‘plug & play‘ che da un lato impone una iper-compressione dei suoni e una distorsione armonica maggiore.

“Yellowblack” è uno dei primi pezzi che vede la luce. È un brano cinetico, che contiene tutti gli ingredienti del sound che ha caratterizzato e reso inconfondibile il progetto. Tornano quindi i ritmi dall’Africa, la psichedelia e note pop. Il risultato è, ancora una volta, un mix straordinario che rispecchia la continua voglia di contaminarsi e ampliare il proprio registro creativo, complici un arpeggiatore synth, riff afro-futuristi, un groove di batteria irresistibile e un basso scoppiettante. Un suono affascinante quanto suggestivo e decisamente travolgente capace di unire mondi apparentemente lontani che in I Hate My Village sembrano coesistere da sempre.

Queste le date dei prossimi live:

26/08/202 SAN MAURO PASCOLI (FC), ACIELOAPERTO

27/08/2021 TORINO, TODAYS FESTIVAL

28/08/2021 MILANO, CIRCOLO MAGNOLIA

29/08/2021 GALZIGNANO TERME (PD), ANFITETRO DEL VENDA

03/09/2021 ROMA, SPRING ATTITUDE

04/09/2021 MARINA DI EBOLI, (SA) BAREZZI SUMMER

06/09/202 BOLOGNA, SUMMER SUPERHEROES

Info e prevendite: www.dnaconcerti.com

L'articolo I Hate My Village, l’intervista da www.controradio.it.

Verdena – 20° Anniversary Edition

Verdena – 20° Anniversary Edition

Il 24 settembre del 1999 usciva Verdena, omonimo esordio di una delle band più amate della musica italiana. In occasione del 20° anniversario dalla pubblicazione, il 20 settembre il trio  darà nuova vita a questa pietra miliare attraverso una nuova edizione arricchita da contenuti – sinora tenuti nel cassetto– che includono brani inediti, versioni demo, acustiche e live.

Verdena – 20° Anniversary Edition sarà disponibile in due formati: 2CD e 3LP.
Il doppio CD contiene l’album originale, la cui prima traccia – Ovunque – presenta un mix alternativo alla prima versione ormai dispersa. Come si evince dal sottotitolo, il secondo disco contiene, invece, “5 Relitti, 2 Residui, 2 Avanzi e un Demo”. Due di questi brani sono già contenuti nell’EP Valvonauta (Bonne Nouvelle e Piuma), altri due pezzi (accantonati dalla band perché non soddisfatti dell’esecuzione) sono Corpi (inedita) e Fiato Adolescenziale, registrati entrambi da Giorgio Canali nella stessa sessione del disco del 1999 e poi mixati nel 2019 da Alberto Ferrari all’Henhouse. A completare la tracklist, una versione acustica di Fuxia, una di Ormogenia recuperata da vinile (poiché anch’essa dispersa) e una “primordiale” Ormogenia, registrata su 4 piste a cassetta nel corso di una delle tante jam casalinghe (Da Giordi); in chiusura un passaggio abbozzato in acustico (Oggi) e una versione live di Shika (altro inedito).
Il triplo vinile contiene 2 LP interamente dedicati all’albumoriginale rimasterizzato da Giovanni Versari, sound engineer di fiducia dei Verdena, mentre il terzo LP contiene gli stessi “5 Relitti, 2 Residui, 2 Avanzie un Demo” del secondo cd in digipack.
Il disco fu prodotto da Giorgio Canali (ex-chitarrista di CCCP, ai tempi membro dei CSI) allo Studio Sonica di Calenzano (FI). L’album venderà più di quarantamila copie.
Questo il prezioso ricordo di Giorgio Canali:
Ho delle immagini precise dei Verdena in registrazione nello studio B di Sonica a Calenzano, in trio, tutto dal vivo tranne le voci, senza cuffie e senza metronomo, come del resto sono solito fare da trent’anni a questa parte. Francesca ed io a piazzare microfoni in giro e a sperimentare qualche soluzione tecnica che lei aveva imparato a Seattle nello studio di Stone Gossard“

L'articolo Verdena – 20° Anniversary Edition proviene da www.controradio.it.