Assalti con esplosivo a bancomat di Firenze, arrestati ‘trasfertisti’ dalla Puglia

Assalti con esplosivo a bancomat di Firenze, arrestati ‘trasfertisti’ dalla Puglia

Assalti con esplosivo a bancomat di Firenze, arrestati dai carabinieri tre ‘trasfertisti’. In carcere soggetti della provincia di Foggia, zio e nipote di 37 e 22 anni  e un loro complice di 36 anni. Sono accusati di colpi avvenuti il 27 ottobre e il 7 novembre nei pressi di Firenze con esplosioni di sportelli minati col sistema della ‘marmotta’.

I carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Firenze, col supporto dei colleghi delle Compagnie di Foggia e Cerignola, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip di Firenze, Piergiorgio Ponticelli. L’indagine, coordinata dal sostituto procuratore di Firenze, Carmine Pirozzoli, ha ricostruito che i tre alloggiavano a Firenze in B&b, pianificavano e poi attuavano i colpi, quindi ripartivano per la Puglia. Oltre ai due assalti di via Pistoiese e Cerbaia a Firenze, i carabinieri ipotizzano che abbiano potuto agire in altri ‘colpi’ analoghi avvenuti in Toscana.

Le indagini hanno preso avvio dall’esplosione del bancomat di un’agenzia Mps in via Pistoiese, alla periferia nord di Firenze, colpo che fruttò decine di migliaia di euro. Le telecamere mostrarono uomini con passamontagna che inserivano nello sportello un involucro di metallo a forma di ‘T’ contenente dell’esplosivo, la cosiddetta ‘marmotta’, innescata poi con una miccia. Tuttavia i malviventi lasciarono varie tracce: il noleggio di auto per andare a Firenze, l’alloggio in un B&b, una banconota da 20 euro macchiata con l’inchiostro anti-rapina dentro un’auto rubata, usata per l’assalto a via Pistoiese. Inoltre, durante il furto avevano tenuto i cellulari spenti tentando di non farsi localizzare.

I tre, invece, non riuscirono a portare via i soldi nell’altro furto di cui sono accusati, la notte del 7 novembre allo sportello bancomat delle Poste di Cerbaia Val di Pesa (Firenze), un paese fuori città dove l’esplosione avvenne, ma non aprirono la cassaforte. Anche in questo caso, avevano fatto una serie di sopralluoghi a più bancomat della provincia prima di scegliere questo e poi avevano agito dopo aver rubato un’Alfa Romeo Giulietta. I tre furono individuati mentre erano in fuga sull’A1 con l’ausilio della Polizia Stradale che li fermò presso Arezzo.

Perquisiti, avevano arnesi per aprire lo sportello bancomat, parte di una miccia, passamontagna e numerose banconote macchiate dall’inchiostro antirapina. Vennero fermati come indiziati di delitto. Ora sono in carcere con le accuse di furto e tentato furto aggravato, detenzione e porto in luogo pubblico di ordigni esplosivi e furto aggravato di auto.

L'articolo Assalti con esplosivo a bancomat di Firenze, arrestati ‘trasfertisti’ dalla Puglia da www.controradio.it.

Lavori Publiacqua, nuove modifiche in piazza della Libertà

Lavori Publiacqua, nuove modifiche in piazza della Libertà

Lavori di Publiacqua in piazza della Libertà, viabilità alternativa in vista dell’inizio dell’anno scolastico. La necessità di approfondimenti da parte della soprintendenza nel cantiere dove sono in corso lavori di Publiacqua propedeutici alla costruzione della nuova linea della tramvia variante al centro storico, obbliga il Comune a rivedere la viabilità e a crearne una alternativa in vista dell’inizio dell’anno scolastico. La modifica di viabilità, da preparare nella notte tra oggi e domani, prevede una rivoluzione delle attuali tre corsie da piazza della Libertà verso Lavagnini.

Al via la viabilità alternativa in piazza della Libertà in vista dell’inizio dell’anno scolastico. E’ quanto deciso nel corso del coordinamento lavori  dopo la comunicazione da parte dei tecnici di Publiacqua della necessità di allargamento dello scavo e degli ultimi approfondimenti da parte della Soprintendenza prima del rilascio del nulla-osta per la prosecuzione dei lavori di posa della nuova tubazione. Non avendo certezza dei tempi di ripartenza del cantiere in attesa del nulla-osta, rispetto a lavorazioni che avrebbero dovuto concludersi entro il mese di agosto, è stato deciso di modificare l’attuale viabilità visto l’aumento del traffico e l’imminente inizio dell’anno scolastico.

Dopo attente e ponderate valutazioni, è stata individuata in piazza della Libertà una viabilità a due corsie che prevede la prima a flusso libero verso viale Lavagnini, eliminando sia l’attuale tratto di attraversamento pedonale che conduce verso il loggiato lato Lavagnini/Lorenzo il Magnifico che la corsia di attraversamento per raggiungere viale Matteotti. L’altra corsia, posta a sinistra, sarà utilizzata per la svolta verso viale Matteotti, con più tempo semaforico avendo ridotto la dimensione dell’attraversamento pedonale. Via Cavour, che è ztl, sarà accessibile solo per chi proviene da Lavagnini, mentre il percorso per chi proviene da Matteotti/Ponte Rosso sarà Landino, Milton, Poliziano, Lavagnin. La modifica potrebbe avvenire nella notte tra oggi  e domani 11 settembre.

L'articolo Lavori Publiacqua, nuove modifiche in piazza della Libertà da www.controradio.it.

Covid: “Con occhi verso il destino” il corto del Movimento dei consumatori

Covid: “Con occhi verso il destino” il corto del Movimento dei consumatori

Covid: è pronto per la proiezione e la distribuzione “Con Occhi Verso Il Destino”, il cortometraggio scritto e diretto dal giovane regista aretino Elia Mansueto, dedicato alla gestione della pandemia. Intervista a cura di Chiara Brilli.

Finanziato con fondi del Ministero della Sviluppo Economico e della Regione Toscana, il corto ha l’obiettivo di sensibilizzare, e per il futuro lasciare una testimonianza, sull’impatto che la pandemia ha avuto nella vita di ognuno.

Il corto  invita lo spettatore a una riflessione su quanto le scelte quotidiane di ciascuno si riflettano sulle vite degli altri. La storia narra di un ragazzo, Nicola, che partecipa a una festa noncurante delle norme anti contagio. Nei giorni successivi scopre di essere positivo al Covid-19, ma ha già avuto modo di trasmetterlo al padre che, in seguito a complicazioni, non sopravvive alla malattia.

Dopo diciotto anni, casualmente il figlio di Nicola riaccende il ricordo del nonno deceduto durante la pandemia. Si sente lo squillo di un telefono, ma non è quello che Nicola ha in tasca. Con un cambio di scena, il telefono che squilla è quello di diciotto anni prima. Nicola risponde, ma stavolta non accetta l’invito per andare alla festa.

La produzione, curata dal Movimento Consumatori della Toscana, ha impiegato dodici professionalità nel cast tecnico oltre a quattro attori e otto comparse, quasi tutti provenienti a diverso titolo dalla Florence Movie Academy.

“Normalmente le organizzazioni dei consumatori gestiscono conflitti e contenziosi – spiega il presidente del Movimento Consumatori della Toscana Benedetto Tuci (AUDIO) – noi invece abbiamo scelto di occuparci della cosiddetta mediazione sociale. Otteniamo i risultati passando dalla ricomposizione, non dallo scontro. Questo per dire che è nella nostra mission informare e sensibilizzare le persone alle tematiche che stanno più a cuore. Il cortometraggio – conclude Tuci -ha un obiettivo pedagogico: vuole stimolare una riflessione e siamo sicuri che, usando il linguaggio creativo del cinema, raggiungerà più facilmente l’obiettivo”.

Il cortometraggio Con Occhi Verso Il Destino” oltre ad essere visibile sui canali web e social verrà anche proiettato nelle scuole della Toscana.

L'articolo Covid: “Con occhi verso il destino” il corto del Movimento dei consumatori da www.controradio.it.

Confidenze sulla Liberazione: una notte di coprifuoco con Obraz e 14 artisti

Confidenze sulla Liberazione: una notte di coprifuoco con Obraz e 14 artisti

CONFIDENZE SULLA LIBERAZIONE: all’interno del progetto teatrale IL RESPIRO DEL PUBBLICO, Cantiere Obraz torna il 29 maggio 2021 dalle 23.00 all’alba con l’evento, realizzato grazie al contributo di Fondazione CR Firenze – Bando Emergenza Cultura 2020, vedrà 14 artisti attraversare contemporaneamente una notte di coprifuoco chiusi nelle loro case andando soli verso l’alba.

A partire dalle 23.00 del 29 maggio 2021 su piattaforma zoom verrà aperto uno spazio performativo composto di 14 stanze “private”, una per ogni artista che partecipa. Il pubblico potrà accedere liberamente, spostarsi, interagire e visitare tutte le stanze.

Con Christopher J Argentino, Michela Cioni, Paolo Ciotti, Alessandra Comanducci, Francesco Figliomeni, Danilo Franti, Thomas Harris, Joshua Held, Antonella Longhitano, Stefano Parigi, Mario Raz, Nur Terun, Marco Zamburru.

Per partecipare è necessario aver installato ultima versione di Zoom (5.6.4)

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/cantiere.obraz

Evento Facebook: https://www.facebook.com/events/512484903512970

Cantiere Obraz è un sistema di formazione e produzione teatrale permanente che ha residenza artistica presso il Teatro di Cestello. L’attività della compagnia si muove sotto una duplice spinta: il legame con una tradizione teatrale internazionale di matrice pedagogica russa e un’intensa attività di formazione e produzione teatrale per tutti, ma con una particolare attenzione alle giovani generazioni. L’obiettivo è quello di diffondere la cultura, creare un pubblico consapevole, amante del teatro e della cultura in genere, educare e insegnare la cooperazione fra esseri umani.

L'articolo Confidenze sulla Liberazione: una notte di coprifuoco con Obraz e 14 artisti da www.controradio.it.

Sicurezza sul lavoro e licenziamenti, presidio di CGIL CISL UIL a Firenze

Sicurezza sul lavoro e licenziamenti, presidio di CGIL CISL UIL a Firenze

Sicurezza sul lavoro e licenziamenti, oggi presidio di CGIL CISL UIL della Toscana a Firenze (ore 10-12, via Cavour). Nel corso dell’iniziativa  presentati gli ultimi dati disponibili sulla sicurezza sui luoghi di lavoro in Toscana e quali effetti avrà in termini numerici la mancata proroga del blocco dei licenziamenti sull’occupazione regionale

“Fermiamo la strage nei luoghi di lavoro”: Cgil Cisl Uil della Toscana scendono in piazza per chiedere sicurezza nei luoghi di lavoro e un’attenzione maggiore alla qualità dell’occupazione. L’iniziativa – che si inserisce nell’ambito della mobilitazione nazionale è in corso davanti alla prefettura di Firenze in via Cavour con la partecipazione dei tre segretari generali regionali: Dalida Angelini (CGIL), Ciro Recce (CISL) e Annalisa Nocentini (UIL).

 CGIL CISL UIL della Toscana si mobilitano per chiedere:

  • Un Patto per la Salute e la Sicurezza che coinvolga tutte le parti in causa (Istituzioni, parti datoriali e associazioni sindacali) per rimettere al centro il rispetto della dignità e della vita
  • La proroga del blocco dei licenziamenti. La posizione di Confindustria è inaccettabile e rischia di creare un disastro sociale che graverà sulle spalle dei lavoratori e delle famiglie
  • La riforma degli ammortizzatori sociali, ormai non più rinviabile per dare certezze e garanzie al mondo del lavoro
  • No a deroghe al Codice degli Appalti. In un Paese ad alto rischio di infiltrazioni, come le cronache ci hanno insegnato in questi anni, non possiamo permetterci di fare concessioni alla criminalità.

L'articolo Sicurezza sul lavoro e licenziamenti, presidio di CGIL CISL UIL a Firenze da www.controradio.it.