Casa: via libera in Toscana a nuova legge su edilizia residenziale pubblica

Casa: via libera in Toscana a nuova legge su edilizia residenziale pubblica

Casa: l’Aula di palazzo del Pegaso ha detto si’ alla legge di modifica alle Disposizioni in materia di edilizia residenziale pubblica. Per l’accesso all’ERP si elimina il criterio dei cinque anni sul territorio regionale come condizione di accesso al beneficio dell’alloggio, ma si introduce una più articolata premialità nella formulazione della graduatoria per la residenza, già a partire dai tre anni di residenza o attività lavorativa.

Il testo emendato, dopo un lungo dibattito, e’ stato approvato con 23 voti favorevoli e 11 astensioni, dopo aver trovato la sintesi in un emendamento – prima firmataria Elisa Montemagni (Lega) e sottoscritto anche dal presidente del gruppo del Partito democratico Vincenzo Ceccarelli – che prevede l’obbligo per i cittadini (ad esclusione di coloro in possesso dello status di rifugiato o di protezione sussidiaria), e che non autocertificano residenza fiscale in Italia, di presentare documentazione reddituale e patrimoniale del paese in cui hanno la residenza fiscale. Nelle dichiarazioni di voto, il consigliere Diego Petrucci (FdI), rivendicando la dignita’ del Consiglio regionale e il lavoro svolto in aula e in commissione, si e’ soffermato sulla importante modifica avanzata dal proprio gruppo, che premia la storicita’ della residenza. “Abbiamo modificato in meglio il testo della Giunta regionale e annunciamo il nostro voto di astensione”, ha detto.

Stessa espressione di voto anche per Elisa Montemagni (Lega): “abbiamo evoluto la nostra posizione, dall’iniziale e obbligato ostruzionismo all’astensione motivata, su un testo ancora perfettibile, ma che rende comunque equo l’accesso ai bandi”. “Abbiamo tutti collaborato e continueremo a lavorare insieme”, ha concluso la consigliera. “Apprezzo l’approdo al quale siamo arrivati e la maturazione dei colleghi della Lega”, cosi’ il presidente del gruppo del Partito democratico, Vincenzo Ceccarelli: “c’e’ spazio e possibilita’ di lavorare per la casa, che e’ una priorita’ per la Toscana“. Il consigliere ha concluso sottolineando come la legge si rendesse necessaria dopo il pronunciamento della Corte Costituzionale, che rischiava di mettere in seria difficolta’ i Comuni nell’approvazione dei bandi. Di “punto di incontro positivo” ha parlato anche il vicepresidente del Consiglio Stefano Scaramelli (Iv): “il Consiglio regionale nel suo complesso ha fatto un buon lavoro, l’edilizia residenziale pubblica e’ una sfida da vincere insieme”. Anche il presidente dell’Assemblea toscana, Antonio Mazzeo, nel chiudere i lavori, ha ringraziato tutte le forze politiche per l’operato.

L'articolo Casa: via libera in Toscana a nuova legge su edilizia residenziale pubblica da www.controradio.it.

Controradio Infonews: le principali notizie dalla Toscana, 7 maggio 2021

Controradio Infonews: le principali notizie dalla Toscana, 7 maggio 2021

Controradio Infonews: ultim’ora, aggiornamenti, cronaca ed eventi in Toscana nella sintesi mattutina di Controradio. Per iniziare la giornata ‘preparati’.

CONTRORADIO INFONEWS: Il ministro del Lavoro Orlando sarà oggi alle 15 in prefettura a Prato dove ha convocato un tavolo tecnico dopo l’infortunio mortale di Luana D’Orazio in un’azienda tessile di Oste di Montemurlo. Intanto un report dell’Asl registra 35 casi analoghi che sarebbero potuti finire in tragedia negli ultimi anni nel distretto pratese. E questa mattina si terrà lo sciopero generale di 4 ore a Prato con presidio in piazza delle Carceri mentre lunedì alle 15  ad Agliana, verranno celebrati dal vescovo di Pistoia i funerali della giovane, madre di un bimbo di 5 anni a sostegno del quale  sono stati raccolti 40mila euro di donazioni in 24 ore.
CONTRORADIO INFONEWS: “Portare la vaccinazione anti covid in Toscana a un livello di immunità di gregge, entro il 30 di settembre, i primi giorni di ottobre”. E’ l’obiettivo del presidente della Regione Eugenio
Giani, annunciando che il commissario Figliuolo “sarà in Toscana il 18 o il 19 maggio per fare il punto della situazione”.
Da oggi invece per l’isola di Capraia via alla vaccinazione dei residenti.
La sindaca di Capraia Merida Bessi
CONTRORADIO INFONEWS: Sarebbe indagato per tentata induzione indebita a dare o promettere utilità Vincenzo Ceccarelli, l’ex assessore ai trasporti della Regione Toscana, ora capogruppo del Pd in Consiglio Regionale, coinvolto nell’inchiesta della procura di Firenze sul bando di gara della Regione per aggiudicare il trasporto pubblico locale su gomma  per 11 anni a un gestore unico, vinto da Autolinee Toscane (At), societa’ del gruppo francese Ratp. Sono dieci le persone indagate tra cui l’ex presidente della Regione Enrico Rossi.
Un uomo è stato ferito alla gola con un collo di bottiglia, durante una lite in strada a Firenze. Vittima dell’episodio, avvenuto intorno alle 19 di ieri un 23enne, ricoverato ora Careggi non in pericolo di vita. Il presunto responsabile è stato bloccato dagli agenti della squadra mobile. In corso gli accertamenti sulla ricostruzione dell’aggressione.
La 29esima edizione della manifestazione promossa da Fondo Ambiente Italiano  torna con viste, in presenza, a metà maggio, con prenotazione obbligatoria sul sito www.giornatefai.it fino a esaurimento posti. E tra i 20 beni da visitare in Toscana  il Castello di Sammezzano è già sold out.

L'articolo Controradio Infonews: le principali notizie dalla Toscana, 7 maggio 2021 proviene da www.controradio.it.

Tpl, Toscana: ex assessore Ceccarelli indagato

Tpl, Toscana: ex assessore  Ceccarelli indagato

L’inchiesta è stata aperta dalla procura di Firenze sul bando di gara della Regione da 4 miliardi per aggiudicare l’intero trasporto pubblico locale su gomma della Toscana per 11 anni a un gestore unico, vinto dalla Autolinee Toscane (At), societa’ del gruppo francese Ratp

L’ex assessore ai trasporti della Regione Toscana Vincenzo Ceccarelli, attualmente capogruppo Pd in Consiglio Regionale, è tra gli indagati nell’inchiesta aperta dalla procura di Firenze sul bando di gara della Regione da 4 miliardi per aggiudicare l’intero trasporto pubblico locale su gomma della Toscana per 11 anni a un gestore unico, vinto dalla Autolinee Toscane (At), societa’ del gruppo francese Ratp.

Ieri, secondo quanto riferito dal Corriere fiorentino che ha dato notizia del coinvolgimento dell’ex assessore, la guardia di finanza ha anche perquisito gli uffici in Regione Toscana di Ceccarelli. “Sono sorpreso – afferma oggi Ceccarelli – ma sono anche certo che riuscirò a dimostrare la mia correttezza”. “Mi sono occupato della gara per il trasporto pubblico su gomma in Toscana per 7 anni, con un unico obiettivo – aggiunge -: tutelare l’interesse dei cittadini e dei lavoratori del settore”.

“Non conosco ancora niente di quelli che sono gli elementi sulla base dei quali è stata formulata l’ipotesi accusatoria nei miei confronti, ma so bene di aver agito sempre entro i confini della legge e nell’interesse pubblico. Per questo mi sono messo subito a disposizione degli inquirenti, nei quali nutro piena fiducia, con l’intenzione di offrire totale collaborazione al fine di giungere in tempi rapidi a chiarire la mia posizione”. Nell’inchiesta, nella quale vengono ipotizzati a vario titolo i reati di turbativa d’asta, falso, abuso d’ufficio e induzione indebita a dare o promettere utilità, risultano indagate almeno altre sette persone, tra cui l’ex presidente della Regione Toscana  Enrico Rossi, due funzionari della Regione e tutti e quattro i componenti della commissione di gara.

Tutti gli indagati ieri hanno ricevuto un avviso di proroga indagini. A Rossi viene contestato il reato di turbativa d’asta, in relazione a un’intervista rilasciata il 13 novembre 2015, in cui commentava l’aggiudicazione ad Autolinee toscane nonostante la gara non fosse formalmente terminata.

L'articolo Tpl, Toscana: ex assessore Ceccarelli indagato proviene da www.controradio.it.

‘Viola Park’, il nome del nuovo centro sportivo della Fiorentina

‘Viola Park’, il nome del nuovo centro sportivo della Fiorentina

🔈Bagno a Ripoli, presentato il video rendering del nuovo centro sportivo della ACF Fiorentina, che almeno per il momento, verrà chiamato ‘Viola Park’.

Il Viola Park costituisce il più grande investimento privato fatto nella storia di Bagno a Ripoli, il più costoso centro sportivo realizzato in Italia, e parole del presidente Commisso: “Un esempio di quello che può fare Rocco, anche quando si parla di stadio”.

“Quanto spendiamo qui a Bagno a Ripoli – ha detto Commisso – è più della metà di quanto investito per fare lo Juventus Stadium”. Proprio sulle spese Commisso ha ribadito che la sua azienda, la Mediacom, “sta andando molto bene, per questo posso investire senza preoccuparmi”, ribadendo poi di non essere costretto “a cercare soldi” e precisando di non “volerli buttare”.

Il Viola Park sarà realizzato investimento di circa 80 milioni , ed il presidente della Fiorentina Rocco Commisso lo ha definito “il più costoso centro sportivo fatto in Italia, un grande orgoglio per la mia famiglia”: l’obiettivo è dare il via ai lavori – su una superficie di 25 ettari – ad inizio 2021, per terminarli a Natale dello stesso anno e dunque in anticipo rispetto al tempo previsto in origine, di 18 mesi. La nuova casa della Fiorentina ospiterà la prima squadra, ma anche i giovani e la squadra femminile.

Come spiegato nel corso della conferenza stampa di presentazione dei rendering si tratta di 22mila mq tra foresterie, aree fitness e terapia, ristorante, uffici della società, due mini stadio (uno da 3mila persone, l’altro da 1500) e parcheggi. Sono previsti otto campi in sintetico e in naturale, riscaldati e con illuminazione.

“Il centro sportivo – ha sottolineato Marco Casamonti, dello studio Archea & associati, che ha curato il progetto – accoglierà tutti, sarà una congiunzione di generi e generazioni. Oltre il 90% dell’area rimarrà verde”. Casamonti ha spiegato che “gli edifici sono bassi e orizzontali, i tetti sono coperti di pannelli fotovoltaici per produrre l’energia”.

All’interno della struttura è prevista anche chiesa, la ‘Viola chapel’ che sarà in marmo bianco. Dal punto di vista della viabilità, il centro sportivo avrà 400 parcheggi (all’interno si potrà circolare solo con veicoli elettrici) e sarà collegato alla tramvia.

Commisso ha ribadito che il centro sportivo servirà anche ad attrarre calciatori: “I migliori giovani – ha detto – vedendo questa struttura vorranno venire da noi”. Il sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini ha parlato di “giornata storica”, affermando poi che “tra pochi giorni sarà approvata la variante urbanistica per realizzare concretamente quello che un anno fa sembrava un sogno”. Tra i presenti anche l’assessore regionale uscente all’Urbanistica Vincenzo Ceccarelli.

Gimmy Tranquillo ha fatto alcune domande a Rocco Commisso e Marco casamonti:

L'articolo ‘Viola Park’, il nome del nuovo centro sportivo della Fiorentina proviene da www.controradio.it.

Toscana, casa: contributi straordinari sugli affitti per 18mila famiglie

Toscana, casa: contributi straordinari sugli affitti per 18mila famiglie

Aiuti sui canoni di locazione e risorse aggiuntive per nuovi alloggi di edilizia residenziale popolare in Toscana. Sono state presentate, questa mattina, dall’assessore alle infrastrutture e all’urbanistica, Vincenzo Ceccarelli, le ultime misure dedicate alla casa. 18mila famiglie, che a causa del coronavirus hanno avuto un crollo delle finanze famigliari,  avranno diritto a ricevere un contributo straoridnario sull’affitto.

La Regione Toscana ha presentato oggi gli esiti del bando straordinario deciso nei mesi scorsi dalla giunta, nel pieno dell’emergenza sanitaria, e che tutti i Comuni toscani hanno pubblicato. La mano tesa interessava nello specifico chi ha visto il proprio redditto ridotto di almeno il 30%, con un contributo pari a metà canone di locazione per tre mensilità, fino ad un massimo di 300 euro al mese nei comuni capoluogo ad alta tensione abitativa, e 250 euro per gli altri. La stima è di una spesa che potrebbe arrivare fino a 13 milioni di euro, ma che alla fine potrebbe essere anche inferiore visto che non tutti hanno subito tagli allo stipendio per tre mesi.

La Regione Toscana trasferirà con un prossimo decreto 1 milione e 900mila euro ai Comuni che non sono capoluogo né possono essere considerati ad alta tensione abitativa: si tratta di 189 amministrazioni, oltre ad otto unioni comunali. Gli altri, i comuni capoluogo od Ata, possono fin da ora contare su una disponibilità di 7 milioni di euro che deriva dai residui dei contributi di morosità incolpevole non utilizzati e che potranno essere usati per il contributo straordinario. Alle amministrazioni comunali inoltre è già stata ripartita una prima tranche di 3,9 milioni del fondo affitto nazionale.

“L’anno scorso abbiamo distribuito aiuti sul canone di locazione per 10,5 milioni. Quest’anno possiamo contare su 23 milioni. In quest modo potrà subito essere coperto il fabbisogno dell’82 per cento delle domande”, ha affermato l’assessore toscano Vincenzo Ceccarelli.

Qui l’intervista integrale, all’assessore Vincenzo Ceccareli di Lorenzo Braccini.

L'articolo Toscana, casa: contributi straordinari sugli affitti per 18mila famiglie proviene da www.controradio.it.