Fi-Pi-Li: cantiere Fiorentino chiude il 14/12

Fi-Pi-Li: cantiere Fiorentino chiude il 14/12

La circolazione tornerà su due corsie in entrambi i sensi di marcia, ad eccezione di soli 200 metri in corrispondenza del viadotto del Turbone

Dal 14 dicembre, in anticipo di un mese e mezzo sul cronoprogramma, la strada di grande comunicazione Fi-Pi-Li tornerà transitabile su quattro corsie nel tratto tra gli svincoli di Ginestra Fiorentina e Montelupo, interessato dal 27 maggio da un grande cantiere di manutenzione straordinaria.

La circolazione tornerà su due corsie in entrambi i sensi di marcia, ad eccezione di soli 200 metri in corrispondenza del viadotto del Turbone. “Già ad ottobre avevamo avuto comunicazione di una chiusura anticipata del cantiere – spiega l’assessore regionale alle infrastrutture Vincenzo Ceccarelli in una nota -, inizialmente prevista per il 31 gennaio 2020, e ci era stato detto che la ditta avrebbe riaperto le quattro corsie il 31 dicembre 2019. Oggi arriva un’ulteriore buona notizia”.

Per l’assessore, “il significativo risparmio di tempo è stato reso possibile dal lavoro del sabato e dalle asfaltature in notturna”. La chiusura dei lavori coinciderà con l’avvio di un piccolo cantiere, di circa 200 metri, in corrispondenza del viadotto del Turbone di cui è emersa la necessità nel corso degli interventi di manutenzione, “per approfondire la conoscenza dell’attuale stato dell’opera e garantire la massima sicurezza agli automobilisti. L’intervento sul viadotto del Turbone è dunque aggiuntivo rispetto a quelli avviati a maggio”.
“Sappiamo – ha concluso Ceccarelli – che sono sono stati mesi difficili per gli automobilisti, che hanno dovuto sopportare disagi, talvolta anche pesanti”, “abbiamo cercato di attenuare queste inevitabili conseguenze, per quanto possibile, ma questi interventi di manutenzione straordinaria erano necessari per migliorare la sicurezza e l’efficienza dell’infrastruttura”.

L'articolo Fi-Pi-Li: cantiere Fiorentino chiude il 14/12 proviene da www.controradio.it.

Morto l’ex partigiano Salvatore Vecchioni

Morto l’ex partigiano Salvatore Vecchioni

E’ scomparso Salvatore Vecchioni, ex comandante partigiano della II Compagnia del gruppo Casentino, XXIII Brigata Pio Borri. Cordoglio è stato espresso dall’assessore toscano Vincenzo Ceccarelli.

“Con Salvatore Vecchioni – si legge in una nota – scompare uno degli ultimi testimoni della resistenza. Al cordoglio che voglio esprimere ai suoi cari per la loro perdita si aggiunge il lutto civico che ci coinvolge tutti. In un momento particolare della storia del nostro paese e dell’Europa dove si sentono spirare sempre più forte dei venti che alimentano l’intolleranza e la rabbia sociale e che vorrebbero rimuovere la memoria di ciò che è stato.

“L’esempio che la vita di Vecchioni ha rappresentato e continua a rappresentare dovrà essere per noi motivo di un rinnovato impegno per mantenere viva la memoria dei giorni e dei fatti che consentirono di abbattere il nazifascismo e ridare agli italiani la libertà e la democrazia”, conclude la nota.

L'articolo Morto l’ex partigiano Salvatore Vecchioni proviene da www.controradio.it.

Il nuovo Centro Sportivo di ACF Fiorentina a Bagno a Ripoli

Il nuovo Centro Sportivo di ACF Fiorentina a Bagno a Ripoli

🔈È stato presentato oggi, all’interno della Sala consiliare “Falcone e Borsellino” del Comune di Bagno a Ripoli, il progetto del nuovo Centro Sportivo di ACF Fiorentina, un’opera che viene definita fondamentale dallo stesso Club e che si prevede avrà il suo completamento entro il 2021.

In soli 5 mesi dal suo arrivo a Firenze la nuova Proprietà, con la collaborazione del Comune di Bagno a Ripoli e di tutte le istituzioni coinvolte, è riuscita a realizzare un progetto che, al suo compimento, regalerà alla Fiorentina il più grande centro sportivo d’Italia. II progetto sarà seguito dall’architetto Marco Casamonti e dallo Studio Archea & Associati.

Secondo quanto fa sapere ACF Fiorentina, le tre parole chiave per realizzare questo progetto sono state: paesaggio, rispetto e valorizzazione ambientale, ed il nuovo Centro Sportivo avrebbe il preciso intento di porre i giocatori sia del settore femminile che maschile nelle migliori condizioni psicofisiche.

L’idea di Bagno a Ripoli e la sua grande estensione, oltre 25 ettari è stata ricercata al fine di realizzare un luogo dove oltre ai campi di allenamento potessero esserci grandi spazi verdi e alberature in modo che la natura giocasse un ruolo da protagonista.

Oltre il 90% dell’area rimarrà a verde e sarà prevista la piantumazione di oltre 1000 alberi che sommati ai circa 500 esistenti portano le alberature ad oltre 1500.

“Fin da subito – ha commentato il Sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini – con la Fiorentina siamo stati in grande sintonia condividendo la volontà di realizzare un centro sportivo ad alta sostenibilità, che avesse come priorità l’attenzione all’ambiente, al paesaggio, all’utilizzo virtuoso delle risorse naturali. Un progetto perfettamente in linea con le caratteristiche del nostro territorio, di grande pregio e bellezza, che sarà così protetto e ancor di più valorizzato. Voglio ringraziare tutta la società, il Presidente Rocco Commisso, la sua famiglia e il Direttore generale Giuseppe Barone, perché questa sensibilità e questa attenzione non erano scontate. Da oggi Bagno a Ripoli non sarà solo la nuova casa della Fiorentina, ma anche la sede di uno dei centri sportivi più belli e all’avanguardia di tutta Europa. E questo per noi è un grande onore e un vero orgoglio”.

Vincenzo Ceccarelli, Assessore alle Infrastrutture, Trasporti e Governo del Territorio della Regione Toscana si è così voluto esprimere: “Condividiamo l’impostazione che la Fiorentina e il Comune di Bagno a Ripoli hanno dato al progetto, mettendo al primo posto la tutela dell’ambiente e del paesaggio. La Regione ha già validato nella conferenza di copianificazione la proposta fatta dal Comune per la parte urbanistica. Mi auguro che il progetto possa essere attuato nel modo più coerente agli obiettivi fissati”.

Gimmy Tranquillo ha raccolto alcune delle dichiarazioni di Rocco Commisso:

L'articolo Il nuovo Centro Sportivo di ACF Fiorentina a Bagno a Ripoli proviene da www.controradio.it.

Accordo tra Regione e Agenzia Spaziale Italiana per monitorare suolo

Accordo tra Regione e Agenzia Spaziale Italiana per monitorare suolo

Grazie alle più recenti tecniche di telerilevamento – che sfruttano le informazioni geolocalizzate provenienti dalle missioni spaziali – sarà possibile monitorare costantemente lo stato del paesaggio e quindi l’efficacia delle politiche per la sua tutela. Per questo l’accordo sottoscritto dalla Regione Toscana con l’ASI – Agenzia Spaziale Italiana si arricchisce andando a comprendere anche nuovi strumenti conoscitivi, capaci di raccogliere grandi quantità di dati con un livello di dettaglio e una frequenza senza precedenti

“Sarà un vero e proprio sguardo dal cielo sul bel paesaggio toscano – ha detto l’assessore regionale al governo del territorio Vincenzo Ceccarelli – un punto di vista privilegiato che presto garantirà preziose informazioni tramite dati telerilevati, da elaborare e mettere a disposizione del governo del territorio, per facilitare la pianificazione territoriale ed urbanistica della Regione, ma non solo. Infatti il nostro obiettivo è mettere il frutto di questi nuovi strumenti anche a disposizione delle amministrazioni comunali grazie ad un accordo con ANCI. Il primo passo della Toscana a tutela del suo patrimonio paesaggistico è stato quello di dotarsi di norme e strumenti urbanistici che limitano il consumo di suolo, adesso puntiamo ad innovare gli strumenti conoscitivi, perché risultano fondamentali per monitorare il consumo effettivo di suolo e tutelare il territorio in maniera davvero efficace”.

Da oltre un anno i tecnici della Direzione urbanistica della Regione stanno lavorando in collaborazione con Università di Firenze e Siena, ARTEA, Arpat, Lamma e CNR e in accordo con l’ASI per progettare e organizzare un sistema capace di restituire una fotografia dinamica dello stato del territorio e del paesaggio, a cominciare dal monitoraggio della risorsa suolo.

La Regione Toscana sta inoltre lavorando ad un telerilevamento da piattaforma aerea che avverrà nel corso degli anni 2020 e 2021. Centri storici, aree boscate, disegno dei terreni coltivati, fiumi e ogni altra caratteristica del territorio utile per finalità urbanistiche saranno fotografati con una risoluzione di 20 cm a terra. Questo consentirà di migliorare molto le attività che l’informazione geolocalizzata, a cominciare dall’agricoltura, alla cura delle foreste, difesa del suolo, protezione civile.

L’Agenzia Spaziale Italiana grazie a questo Accordo mira ad avere un vero e proprio “laboratorio” per sperimentare l’utilizzo dei dati dei satelliti nazionali, in particolare PRISMA e COSMO-SkyMed, a supporto delle politiche paesaggistiche e territoriali. Il Presidente dell’ASI, Giorgio Saccoccia, dichiara: “Per l’ASI è molto importante il coinvolgimento delle altre Amministrazioni per approfondire le potenzialità di uso operativo dei dati delle missioni nazionali, anche nella prospettiva di dare un nuovo impulso alla space/data economy nazionale. La Regione Toscana, in particolare, ha obiettivi lungimiranti e concreti, e questo ci stimola a dare loro il massimo supporto attraverso i nostri tecnici, cogliendo questa importante opportunità”.

L'articolo Accordo tra Regione e Agenzia Spaziale Italiana per monitorare suolo proviene da www.controradio.it.

“La Toscana delle idee”: forum tematici nei Comuni della Piana

“La Toscana delle idee”: forum tematici nei Comuni della Piana

Al via il forum tematico “La Toscana delle idee” ideato e voluto dalla vice capogruppo in Regione Monia Monni e promosso dal gruppo del Partito Democratico in Consiglio regionale che si svolgerà nei comuni di Calenzano, Campi Bisenzio, Lastra a Signa, Scandicci, Sesto Fiorentino e Signa da stasera 15 novembre a sabato 7 dicembre.

“Due plenarie e cinque assemblee tematiche – spiega Monni – per raccontare il lavoro fatto dalla Regione Toscana in questi cinque anni, ma, sopratutto, per raccogliere idee e proposte per il futuro. Parleremo di sanità, welfare, sport, ambiente, sostenibilità,  lavoro, formazione, comunità urbane e mobilità. Queste sono le priorità che come Regione siamo chiamati ad affrontare ed è, per questo,  necessario favorire la più ampia partecipazione per trovare soluzioni ai problemi e alle aspettative dei cittadini. I partecipanti faranno  le loro  proposte, voteranno quelle che li convincono di più, facendole così entrare nel documento finale che sarà consegnato alla segretaria del Pd”.

Primo appuntamento stasera, ore 18, presso lo St.Art a Calenzano  con la partecipazione dei Sindaci. Nelle assemblee, invece, Monia Monni sarà affiancata dal presidente della Regione Enrico Rossi (lunedì 18.11 a Scandicci), dal presidente della  commissione Ambiente in Regione  Stefano Baccelli (mercoledì 20.11 a Sesto Fiorentino), dall’assessore Cristina Grieco (lunedì 25.11 a Campi Bisenzio), dall’assessore Vittorio Bugli, dal capogruppo Leonardo Marras (mercoledì 27.11 a Signa) e dall’assessore Vincenzo Ceccarelli (lunedì 02.12 a Lastra a Signa). Giornata conclusiva sabato 7 dicembre, ancora una volta a Calenzano, con la segretaria del Partito Democratico, Simona Bonafè.

L'articolo “La Toscana delle idee”: forum tematici nei Comuni della Piana proviene da www.controradio.it.