Temporali forti, codice arancione nel sud Toscana dalle 10 fino alla mezzanotte del 24 ottobre

Temporali forti, codice arancione nel sud Toscana dalle 10 fino alla mezzanotte del 24 ottobre

Toscana interessata domani, giovedì 24 ottobre , da un peggioramento delle condizioni meteo, con piogge diffuse e temporali, localmente di forte intensità, in particolare nelle zone meridionali e sull’Arcipelago.

La Sala operativa della protezione civile regionale ha emesso un codice arancione, con validità dalle ore 10 fino alla mezzanotte di domani, 24 ottobre, per le zone a sud (costa, bacini di Fiora, Albegna e Ombrone Grossetano e isole dell’Arcipelago). Emesso inoltre un codice giallo, sempre per domani e valido per la stessa fascia oraria, per temporali forti nelle zone settentrionali e centrali (Lunigiana, Garfagnana, Valdarno inferiore, Valdelsa e Valdera, bacino del Serchio e Valdichiana) e per vento e mareggiate per costa maremmana e Arcipelago.

Domani, giovedì 24 ottobre, è atteso un peggioramento con piogge sparse di debole-moderata intensità fino alla prima parte della mattina. Successiva intensificazione dei fenomeni con piogge diffuse e temporali a partire dall’Arcipelago e dalla costa in estensione alle zone interne nel corso del pomeriggio. In serata residue piogge, localmente a carattere di rovescio o temporale sulle zone meridionali. I temporali potranno risultare localmente persistenti su Arcipelago e zone sud-occidentali e associarsi a forti rovesci, frequenti fulminazioni, colpi di vento e grandinate. Possibilità di isolati temporali anche nelle zone più interne con colpi di vento e grandinate solo occasionali.

Sempre per domani, previste forti raffiche di Scirocco su Arcipelago e zone costiere centro-meridionali con mare molto mosso o localmente agitato.

Dettagli e consigli sui comportamenti da adottare si trovano all’interno della sezione “Allerta meteo” del sito della Regione Toscana, all’indirizzowww.regione.toscana.it/allertameteo.

L'articolo Temporali forti, codice arancione nel sud Toscana dalle 10 fino alla mezzanotte del 24 ottobre proviene da www.controradio.it.

Temporali forti, codice arancione nel sud Toscana dalle 10 fino alla mezzanotte del 24 ottobre

Temporali forti, codice arancione nel sud Toscana dalle 10 fino alla mezzanotte del 24 ottobre

Toscana interessata domani, giovedì 24 ottobre , da un peggioramento delle condizioni meteo, con piogge diffuse e temporali, localmente di forte intensità, in particolare nelle zone meridionali e sull’Arcipelago.

La Sala operativa della protezione civile regionale ha emesso un codice arancione, con validità dalle ore 10 fino alla mezzanotte di domani, 24 ottobre, per le zone a sud (costa, bacini di Fiora, Albegna e Ombrone Grossetano e isole dell’Arcipelago). Emesso inoltre un codice giallo, sempre per domani e valido per la stessa fascia oraria, per temporali forti nelle zone settentrionali e centrali (Lunigiana, Garfagnana, Valdarno inferiore, Valdelsa e Valdera, bacino del Serchio e Valdichiana) e per vento e mareggiate per costa maremmana e Arcipelago.

Domani, giovedì 24 ottobre, è atteso un peggioramento con piogge sparse di debole-moderata intensità fino alla prima parte della mattina. Successiva intensificazione dei fenomeni con piogge diffuse e temporali a partire dall’Arcipelago e dalla costa in estensione alle zone interne nel corso del pomeriggio. In serata residue piogge, localmente a carattere di rovescio o temporale sulle zone meridionali. I temporali potranno risultare localmente persistenti su Arcipelago e zone sud-occidentali e associarsi a forti rovesci, frequenti fulminazioni, colpi di vento e grandinate. Possibilità di isolati temporali anche nelle zone più interne con colpi di vento e grandinate solo occasionali.

Sempre per domani, previste forti raffiche di Scirocco su Arcipelago e zone costiere centro-meridionali con mare molto mosso o localmente agitato.

Dettagli e consigli sui comportamenti da adottare si trovano all’interno della sezione “Allerta meteo” del sito della Regione Toscana, all’indirizzowww.regione.toscana.it/allertameteo.

L'articolo Temporali forti, codice arancione nel sud Toscana dalle 10 fino alla mezzanotte del 24 ottobre proviene da www.controradio.it.

Morte Erika Lucchesi: tre indagati

Morte Erika Lucchesi: tre indagati

Tre sono gli indagati per la morte di Erika Lucchesi. Della procura di Firenze risultano indagati il legale rappresentante del locale, il presunto spacciatore e una terza persona. Le accuse contestate sono quelle di morte in conseguenza di altro reato e spaccio di sostanze stupefacenti.

I tre sono indagati per la morte della 19enne avvenuta nella notte tra sabato e domenica scorsi nella discoteca di Sovigliana a Vinci (Fi). La procura contesta in particolar modo al rappresentante legale di non aver impedito ciò che sarebbe stato giuridicamente obbligato a impedire per la sua qualifica, ossia il presunto episodio di spaccio che poi avrebbe portato alla morte della giovane.
Il presunto spacciatore che avrebbe ceduto la droga poi consumata dalla giovane è stato individuato ed è al momento irreperibile. Questo pomeriggio il pm titolare delle indagini, Fabio Di Vizio, conferirà l’incarico per l’esecuzione dell’autopsia sul corpo della ragazza.

L'articolo Morte Erika Lucchesi: tre indagati proviene da www.controradio.it.

Morte Erika Lucchesi: tre indagati

Morte Erika Lucchesi: tre indagati

Tre sono gli indagati per la morte di Erika Lucchesi. Della procura di Firenze risultano indagati il legale rappresentante del locale, il presunto spacciatore e una terza persona. Le accuse contestate sono quelle di morte in conseguenza di altro reato e spaccio di sostanze stupefacenti.

I tre sono indagati per la morte della 19enne avvenuta nella notte tra sabato e domenica scorsi nella discoteca di Sovigliana a Vinci (Fi). La procura contesta in particolar modo al rappresentante legale di non aver impedito ciò che sarebbe stato giuridicamente obbligato a impedire per la sua qualifica, ossia il presunto episodio di spaccio che poi avrebbe portato alla morte della giovane.
Il presunto spacciatore che avrebbe ceduto la droga poi consumata dalla giovane è stato individuato ed è al momento irreperibile. Questo pomeriggio il pm titolare delle indagini, Fabio Di Vizio, conferirà l’incarico per l’esecuzione dell’autopsia sul corpo della ragazza.

L'articolo Morte Erika Lucchesi: tre indagati proviene da www.controradio.it.

Produce cannabis in casa, “Rischio carcere per curarmi”: sit in oggi a Roma

Produce cannabis in casa, “Rischio carcere per curarmi”: sit in oggi a Roma

“La mia è una storia di negazione del diritto alla salute e di accesso a terapie consentite nel nostro Paese per, tra l’altro, curare il dolore grazie alla cannabis. Un dolore che non aspetta”. Walter De Benedetto soffre di artrite reumautoide, una malattia rara altamente invalidante che causa forti e costanti dolori.

Nelle settimane scorse ha ricevuto la visita dei carabinieri perché in possesso di piante di cannabis, a lui utile per finiti terapeutici, poiché la ASL di Arezzo non era in grado di garantirgli la quantità a lui necessaria per la terapia per cui gli viene prescritta. Così ha scritto un appello al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, e ai ministri della Salute e della Difesa per chiedere un incremento della produzione di prodotti a base di cannabis e perché si arrivi alla legalizzazione della pianta per tutti i fini.

“Da anni – continua Walter – ho trovato conforto terapeutico nella cannabis, ma da tempo non riesco a ottenere la quantità che mi occorre per affrontare il dolore che quotidianamente mi accompagna. La scarsità dei prodotti è dovuta a una crescente domanda a cui l’Italia non è riuscita a corrispondere con la produzione nazionale o le importazioni”. E l’uomo non è solo: “Siamo in migliaia a doverci confrontare tutti i giorni con questa mancanza, rispondendo come possiamo, arrangiandoci, spesso grazie alla solidarietà fattiva di amici e parenti o di associazioni, per non dovere soffrire le pene dell’inferno perché il dolore non aspetta”.

“Caro Presidente Conte, cari Ministri della Salute e della Difesa, cari Parlamentari tutti – l’appello -, in queste ore in cui state definendo la legge di bilancio Vi chiedo, Vi chiediamo, di prevedere ulteriori finanziamenti in questo senso, come chiede anche l’Organizzazione mondiale della sanità”.

Oggi 23 ottobre 2019, a partire dalle ore 17:00 in Piazza di Montecitorio davanti alla Camera dei Deputati, De Benedetto scenderà in piazza insieme all’Associazione Luca Coscioni e Radicali Italiani, per chiedere ai Parlamentari di riprendere il cammino interrotto nella scorsa legislatura in merito alla legalizzazione della Cannabis. In questa occasione verranno consegnate al presidente della Camera dei Deputati, Roberto Fico, oltre 25.000 firme raccolte nel 2019 a sostegno della proposta di legge per la legalizzazione della cannabis depositata alla Camera nel novembre 2016 con 68000 firme.

L'articolo Produce cannabis in casa, “Rischio carcere per curarmi”: sit in oggi a Roma proviene da www.controradio.it.