Coronavirus e Controradio: appello agli ascoltatori, “fate la tessera del Club, abbiamo bisogno di voi!”

Coronavirus e Controradio: appello agli ascoltatori, “fate la tessera del Club, abbiamo bisogno di voi!”

In questa fase di emergenza anche economica Controradio lancia un tesseramento “eccezionale” in cui viene chiesto ad ascoltatori ed ascoltatrici di associarsi al Controradio Club per salvare la radio. Di seguito il testo dell’appello. Diffondete, condividete e soprattutto sosteneteci facendo la tessera on line su www.controradioclub.it

Controradio, in questo periodo di emergenza, garantisce il suo servizio di informazione ed intrattenimento senza riduzione di contenuti o orari di trasmissione, anzi impegnandosi ancor di più per dare all’ascoltatore un contributo che ritiene importante. Alla radio è riconosciuto dal Governo uno status di servizio essenziale ed infatti può rimanere aperta come i supermercati e le farmacie. Il nostro garantire un servizio essenziale non ci permette, nei fatti, di accedere a forme di cassa integrazione, di ferie e permessi da utilizzare, in sostanza i costi, tenendo aperta la radio, rimangono gli stessi di sempre.

Dall’altro lato, il fatturato a cui la radio fa affidamento per pagare le spese, non c’è più. La comunicazione di eventi e istituzioni che si occupano di arte, cultura e spettacolo è a zero, tutta la pubblicità è a zero, i progetti di comunicazione fermi (l’iniziativa “Arte, Cultura e Spettacolo … a casa tua!” è una nostra campagna no profit): una situazione davvero insostenibile.

Grazie ai 1600 soci del Controradio Club che quest’anno si sono associati la previsione economica era normale e ci avrebbe permesso un pareggio di bilancio, ma adesso, in questa situazione, se non troviamo un sostegno extra la vita della radio è segnata. Per questo lanciamo un tesseramento “eccezionale” in cui chiediamo ai nostri ascoltatori di associarsi al Controradio Club per salvare la radio, in particolare ci rivolgiamo a coloro che ci apprezzano, ci scrivono, ci ascoltano e seguono sui social (il sito ha triplicato gli utenti, Facebook e Instagram i like). Il vostro apprezzamento deve diventare un fatto concreto.

Si tratta della sopravvivenza della radio, situazione ben peggiore di una riduzione di servizi e di personale, impiegato per “fare” Controradio. Quindi l’appello agli ascoltatori è quello di associarsi al Controradio Club e contribuire a tenere aperta la loro radio.

Non è possibile in questo periodo associarsi in radio, si può fare solo online sul sito: www.controradioclub.it . Per informazioni: club@controradio.it

L'articolo Coronavirus e Controradio: appello agli ascoltatori, “fate la tessera del Club, abbiamo bisogno di voi!” proviene da www.controradio.it.

Coronavirus, 254 nuovi casi in Toscana. 3.226 i contagi dall’inizio

Coronavirus, 254 nuovi casi in Toscana. 3.226 i contagi dall’inizio

Salgono dunque a 3.226 i contagiati dall’inizio dell’emergenza. 27 sono finora le guarigioni virali (i cosiddetti “negativizzati”), 68 le guarigioni cliniche e 158 i decessi.

Sono 254 i nuovi casi positivi al Coronavirus registrati in Toscana a ventiquattro ore dal precedente bollettino, analizzati nei laboratori toscani; e 16 i nuovi decessi. Salgono dunque a 3.226 i contagiati dall’inizio dell’emergenza. 27 sono finora le guarigioni virali (i cosiddetti “negativizzati”), 68 le guarigioni cliniche e 158 i decessi. I casi attualmente positivi in cura rimangono dunque 2.973. Spetterà in ogni caso all’Istituto superiore di sanità attribuire le morti al Coronavirus: si tratta infatti di persone che avevano patologie concomitanti.

Questi i 16 decessi registrati in Toscana nelle ultime 24 ore, che vanno ad aggiungersi ai 142 registrati fino a ieri, per un totale di 158 decessi dall’inizio dell’epidemia. Con l’indicazione di sesso, età, comune di domicilio: M, 84, Aulla; M, 87, Carrara; M, 82, Barberino Tavernelle; M, 85, Aulla; F, 89, Lucca; M, 83, Massa; M, 78, Vecchiano; M, 83, Vicopisano; M, 72, Pontedera; M, 84, Fiesole; F, 72, Dicomano; F, 98, Empoli; M, 75, Signa; F, 56, Serravalle Pistoiese; F, 88, Badia Tedalda; M, 89, Grosseto.

Per quanto riguarda i ricoveri, ad oggi sono in totale 1.296, di cui 259 in terapia intensiva.

Questi i numeri che fotografano la situazione toscana a giovedì 26 marzo, così come sono stati trasmessi dall’assessorato al diritto alla salute al Ministero della salute, e come verranno comunicati dal capo della Protezione civile Angelo Borrelli.

Di 3.226 tamponi fino ad oggi risultati positivi al test, questa è la suddivisione per provincia di segnalazione, che non sempre corrisponde necessariamente a quella di residenza: 765 Firenze, 264 Pistoia, 189 Prato (totale Asl centro: 1.218), 481 Lucca, 334 Massa-Carrara, 350 Pisa, 204 Livorno (totale Asl nord ovest: 1.369), 174 Grosseto, 216 Siena, 249 Arezzo (totale sud est: 639).

Dal 1° febbraio ad oggi nei laboratori toscani sono stati effettuati in tutto 20.952 tamponi, su 17.761 persone (in alcuni casi sono stati effettuati più test per lo stesso paziente). Solo nelle ultime 24 ore, sono stati fatti ben 3.084 tamponi. Questo aumento si deve al fatto che il numero di laboratori impegnati nel processare i tamponi è ancora salito. Attualmente i laboratori sono 12: ai tre laboratori di microbiologia e virologia delle tre aziende ospedaliero universitarie di Careggi, Pisa e Siena, in funzione dall’inizio di febbraio, negli ultimi giorni se ne sono aggiunti infatti altri 9: Ispro (Istituto per lo studio, la prevenzione e la rete oncologica), i laboratori di Arezzo e Grosseto (Asl sud est), Livorno, Lucca e Massa (Asl nord ovest), Prato (Asl centro), Meyer, più un laboratorio privato.

Dal monitoraggio giornaliero sono invece 11.214 le persone in isolamento domiciliare in tutta la Toscana: 5.466 nella Asl centro, 4.183 nella Asl nord ovest, 1.565 nella Asl sud est.

Le informazioni sui singoli casi saranno fornite dagli uffici stampa delle aziende sanitarie, nel rispetto della privacy, con successivi comunicati stampa o per telefono.

L'articolo Coronavirus, 254 nuovi casi in Toscana. 3.226 i contagi dall’inizio proviene da www.controradio.it.

Badia Tedalda, provincia di Arezzo, è ‘Zona Rossa’

Badia Tedalda, provincia di Arezzo, è ‘Zona Rossa’

Badia Tedalda in provincia di Arezzo, “Carissimi, ho dovuto emettere un’ordinanza comunale che crea una sorta di zona arancione”, non la chiama zona rossa Alberto Santucci, sindaco di Badia Tedalda, ma di fatto nessuno può più uscire da questa mattina, se non per valide ragioni documentate, dal Comune con il maggior numero di contagiati di tutta la Toscana, rispetto alla popolazione.

Il sindaco di Badia Tedalda ha dato l’annuncio sulla pagina Facebook del Comune toscano, postando anche il testo completo dell’ordinanza:

“Comunicazione urgente: nel nostro territorio comunale, senza vincolare i rifornimenti provenienti dall’esterno ma limitando le uscite dal capoluogo alle frazioni e verso gli altri comuni ai soli casi autorizzati con specifico decreto sindacale. Se non lo avessi fatto io lo avrebbe fatto la Regione vista la moltitudine dei residenti risultati positivi al virus e la significativa percentuale sulla popolazione totale. Questo provvedimento entrerà in vigore a mezzanotte di oggi e varrà fino al 16/04/2020. È stato redatto dal sottoscritto, corretto da S. E. Il prefetto di Arezzo e condiviso con Regione Toscana, Provincia di Arezzo, Comune di Sestino, Giunta e Consiglio Comunale di Badia Tedalda”.

“Chi ha necessità assoluta di uscire dal comune di Badia per una visita specialistica, o per ragioni inderogabili di lavoro, oppure per rifornire (una volta la settimana max) il proprio alimentari, frutta-verdura o la farmacia chieda il permesso scritto indicando con precisione motivo e data del viaggio (da Badia via/loc. a comune di… via/loc.) a ragioneria@comunebadia.it Questo provvedimento non ha efficacia per l’Isola Amministrativa e non esclude la possibilità per i pontigiani (abitanti di Ponte Presale) di continuare ad entrare a Badia Tedalda”.

“Io il mio impegno ce l’ho messo cercando di produrre un provvedimento utile e calibrato sulle nostre esigenze e particolarità territoriali… ora cerchiamo tutti quanti di rispettarlo! Firmato il vostro sindaco Alberto Santucci”.

 

L'articolo Badia Tedalda, provincia di Arezzo, è ‘Zona Rossa’ proviene da www.controradio.it.

Coronavirus, 273 nuovi casi in Toscana. In tutto sono 2.972 i contagi

Coronavirus, 273 nuovi casi in Toscana. In tutto sono 2.972 i contagi

Sono 273 i nuovi casi positivi al Coronavirus registrati in Toscana a ventiquattro ore dal precedente bollettino, analizzati nei laboratori toscani. Salgono dunque a 2.972 i contagiati dall’inizio dell’emergenza. 24 guarigioni virali (i cosiddetti “negativizzati”), 30 guarigioni cliniche e 142 decessi.

I casi attualmente positivi in cura rimangono dunque 2.776. Spetterà in ogni caso all’Istituto superiore di sanità attribuire le morti al Coronavirus: si tratta infatti di persone che avevano patologie concomitanti.

Questi i 13 decessi registrati in Toscana nelle ultime 24 ore, che vanno ad aggiungersi ai 129 registrati fino a ieri, per un totale di 142 decessi dall’inizio dell’epidemia. Con l’indicazione di sesso, età, comune di domicilio: M, 89, Fivizzano; F, 97, Pontremoli; F, 80, Bagni di Lucca; M, 85, Strada in Chianti; F, 78, Pistoia; M, 84, Santa Croce (Pi); M, 93, San Miniato (Pi); M, 81 Carmignano; F, 84, Pontassieve; F, 89, Firenze; M, 95, Firenze; M, 87, Quarrata (Pt); M, 77, Torrita di Siena.

Per quanto riguarda i ricoveri, ad oggi sono in totale 1.250, di cui 251 in terapia intensiva.

Questi i numeri che fotografano la situazione toscana a mercoledì 25 marzo, così come sono stati trasmessi dall’assessorato al diritto alla salute al Ministero della salute, e come verranno comunicati dal capo della Protezione civile Angelo Borrelli.

Di 2.972 tamponi fino ad oggi risultati positivi al test, questa è la suddivisione per provincia di segnalazione, che non sempre corrisponde necessariamente a quella di residenza: 709 Firenze, 254 Pistoia, 178 Prato (totale Asl centro: 1.141), 436 Lucca, 330 Massa-Carrara, 317 Pisa, 179 Livorno (totale Asl nord ovest: 1.262 ), 147 Grosseto, 193 Siena, 229 Arezzo (totale sud est: 569).

Dal 1° febbraio ad oggi nei laboratori toscani sono stati effettuati in tutto 17.868 tamponi, su 15.977 persone (in alcuni casi sono stati effettuati più test per lo stesso paziente). Solo nelle ultime 24 ore, sono stati fatti 2.167 tamponi. I laboratori impegnati nel processare i tamponi sono attualmente 9: ai tre laboratori di microbiologia e virologia delle tre aziende ospedaliero universitarie di Careggi, Pisa e Siena, in funzione dall’inizio di febbraio, negli ultimi giorni se ne sono aggiunti infatti altri 6: Ispro (Istituto per lo studio, la prevenzione e la rete oncologica), i laboratori di Arezzo e Grosseto (Asl sud est), Livorno e Lucca (Asl nord ovest), più un laboratorio privato.

Dal monitoraggio giornaliero sono invece 10.893 le persone in isolamento domiciliare in tutta la Toscana: 5.92 nella Asl centro, 3.828 nella Asl nord ovest, 1.973 nella Asl sud est.

Le informazioni sui singoli casi saranno fornite dagli uffici stampa delle aziende sanitarie, nel rispetto della privacy, con successivi comunicati stampa o per telefono.

L'articolo Coronavirus, 273 nuovi casi in Toscana. In tutto sono 2.972 i contagi proviene da www.controradio.it.

Rock ‘n’ roll…. a casa tua! I video del popolo di Controradio

Rock ‘n’ roll…. a casa tua! I video del popolo di Controradio

Sabato 21 marzo alle 18.00 durante la trasmissione “Ready Steady Saturday” su Controradio, Giustina Terenzi con Chiara Brilli hanno trasmesso il brano “Rock’n’Roll Radio” dei Ramones. Gli ascoltatori  e le ascoltatrici erano invitati ad inviare un video con il loro “pogo selvaggio”.

…messaggio ricevuto, avete colto lo spirito della nostra iniziativa e ci avete riempito di video incredibili da ogni parte della Toscana e non solo (il primo video viene infatti da Bergamo e ci ha veramente commosso): avete ballato, cantato, saltato, voi e la vostra famiglia e questo è il risultato, siete stati meravigliosamente rock n’ roll.

Cercatevi tra tutti i video che abbiamo caricato.

Abbiamo voluto fare ‘vedere’  la voce della radio, che siete anche voi che ogni giorno anche in questo momento difficile e di isolamento vi tenete informati con Controradio. Una comunità non solo virtuale ma fatta di storia, cultura, passioni e voglia di reagire.
L’accettazione passiva, il silenzio assenso, la mancanza di ‘suono’ non fa parte di Controradio e di chi l’ascolta. Il rimanere a casa non deve fare venire meno il nostro spirito e la nostra indole  Rock n roll.
Proprio nel rispetto della gravità dei fatti che stanno accadendo rispondiamo senza snaturarci ma rimanendo noi stessi: una radio di cultura ed informazione indipendente.
e ripetiamo
Radio playin’ so no one can see
We need change, we need it fast
Before rock’s just part of the past
‘Cause lately it all sounds the same to me
Oh oh oh oh, oh oh
Rock’n, rock’n’roll radio Let’s go

 

Grazie da Controradio!

In questo periodo di emergenza sanitaria tutte le strutture che promuovono e diffondono l’arte, la cultura e lo spettacolo sono chiuse e le loro attività sospese. I nostri ascoltatori, abituati ad essere informati ed a partecipare alla vita culturale delle loro città, sono dunque orfani di tanta bellezza, ce lo stanno segnalando con mail, WhatsApp, telefonate in diretta. Per questo motivo, senza avere la pretesa di essere esaustivi o capaci di surrogare tutto ciò che fino a qualche settimana fa accadeva, proviamo inoltre a “non far sprecare la giornata” degli ascoltatori, come diceva un vecchio jingle di Controradio. Le proposte che trovate in queste pagine del sito, sui nostri social e in radio sono interventi di noti personaggi/amici dell’arte, della cultura e dello spettacolo che da casa, come è giusto che sia, hanno deciso di tener viva l’attenzione su ciò che era e che presto, di nuovo, sarà.

L'articolo Rock ‘n’ roll…. a casa tua! I video del popolo di Controradio proviene da www.controradio.it.