Ztl estiva notturna a Firenze da giovedì 24 giugno

Ztl estiva notturna a Firenze da giovedì 24 giugno

Firenze, ritorna quest’anno la ztl estiva notturna in centro da giovedì 24 giugno dal giovedì al sabato non si potrà entrare in centro, se non autorizzati dalle 23:00 ALLE 03:00.

Domani la giunta comunale darà infatti il via libera alla delibera sulla ztl estiva, proposta dall’assessore alla mobilità Stefano Giorgetti, che rientra all’interno del pacchetto di misure del Piano di prevenzione e controllo per una movida sostenibile.

Il provvedimento andrà avanti fino al 3 ottobre. Dopo la sospensione dell’estate 2020 e il rinvio dell’avvio previsto in aprile nel 2021 a causa della pandemia, spiega una nota, adesso visto l’allentamento delle restrizioni disposto dal governo è stato deciso di ripristinare la disciplina che regolamenta l’accesso in centro nei fine settimana estivi con la versione che prevede lo stop ai non autorizzati dalle 23 di giovedì, venerdì e sabato alle 3 del giorno successivo. Il provvedimento sarà in vigore dal 21 giugno e il primo stop scatterà il giovedì successivo, ovvero il 24 giugno.

Nessun cambiamento per quanto riguarda l’area interessata dai divieti: si tratta dei settori della ztl diurna, ovvero A, B e O cui si aggiungono i settori G e F validi solo per il provvedimento estivo. Si tratta rispettivamente delle aree di piazza Cavalleggeri-lungarno della Zecca Vecchia-piazza Piave e di quella dell’area di San Niccolò.

L'articolo Ztl estiva notturna a Firenze da giovedì 24 giugno da www.controradio.it.

Forza Italia chiede: “Targa e assicurazione per monopattini elettrici”

Forza Italia chiede: “Targa e assicurazione per monopattini elettrici”

Firenze, “Ormai è evidente che così non si può andare avanti – denunciano il capogruppo di Forza Italia al Consiglio regionale della Toscana, Marco Stella; ed il capogruppo di Forza Italia al Consiglio comunale di Firenze, Mario Razzanelli – occorrono norme chiare per regolamentare la circolazione su strada dei monopattini elettrici”.

“L’episodio che ha come vittima un anziano fiorentino l’altro giorno, in gravi condizioni dopo essere stato travolto da un monopattino sul marciapiede davanti alla sua abitazione -continuano i due esponenti di Forza Italia – è solo l’ennesimo incidente che vede coinvolti i monopattini elettrici. Bisogna mettere fine a questo clima di anarchia, e stabilire regole definitive, a cominciare dall’obbligo di targa e assicurazione”.

“Il conducente del monopattino che ha travolto l’anziano a Firenze, è scappato, e sarà molto difficile rintracciarlo, visto che questi mezzi non hanno targa – osservano Stella e Razzanelli -. Vari sindaci e amministratori locali hanno chiesto al legislatore nazionale di intervenire, ma finora il Parlamento non ha preso decisioni in materia. I monopattini elettrici devono essere equiparati a degli scooter, e come tali devono avere una targa, un’assicurazione, e l’obbligo di casco per chi li conduce. Così non si può proseguire, è una questione di sicurezza e di rispetto per le regole. Da parte nostra e di tutta Forza Italia formuliamo gli auguri di guarigione all’anziano coinvolto nell’incidente, nella speranza che il conducente ‘pirata’ venga rintracciato”.

L'articolo Forza Italia chiede: “Targa e assicurazione per monopattini elettrici” da www.controradio.it.

San Gimignano, internet wifi gratuito dal Comune

San Gimignano, internet wifi gratuito dal Comune

San Gimignano, sono terminati i lavori del Comune, mediante il Consorzio Terrecablate, che consentono una connessione gratuita in prossimità degli spazi pubblici di ritrovo.

“L’esecuzione e la messa in esercizio del progetto, così come proposto – ha detto l’assessore al bilancio del Comune di San Gimignano, Gianni Bartalini – rappresenta un elemento di oggettivo valore aggiunto per tutto il territorio comunale, oltre che costituire, sul piano pratico, un servizio molto richiesto dalla cittadinanza”.

Sono quindi, conclusi i lavori di installazione ed attivazione sul territorio comunale di 15 access point WiFi gratuiti, ubicati in prossimità di spazi pubblici di ritrovo, offrendo per tutti un servizio di connessione gratuita ad internet. I lavori sono stati compiuti dall’amministrazione comunale di San Gimignano mediante il Cosorzio Terrecablate

Il progetto rientra all’interno dell’iniziativa promossa dalla Commissione Europea denominata ‘WiFi4eu’ e finalizzata alla concessione ai comuni europei di contributi a fondo perduto sotto forma di voucher del valore di 15mila euro per la realizzazione di hot-spot gratuiti.

Il Comune di San Gimignano ha partecipato al bando nel 2018 ed in base alla graduatoria stilata e resa pubblica è stato inserito nell’elenco dei comuni assegnatari del voucher.

Per connettersi gratuitamente agli hot-spot con SSID “Wifi4EU” è necessario seguire la seguente procedura valida sia con smartphone, sia con pc fisso / notebook: una volta connessi aprire un browser internet; al primo accesso verrà richiesta una registrazione al portale; cliccare su ‘REGISTRATI’; compilare il form con i dati personali e il numero di cellulare; pochi istanti dopo si riceverà sul numero di cellulare la password per accedere al servizio e si verrà rinviati alla pagina di login; una volta inserita la password appena ricevuta via sms si potrà procedere con la navigazione internet. Per gli accessi futuri o da altri dispositivi utilizzare come nome utente il proprio numero di cellulare preceduto da 0039 (es. 0039 + numero di cellulare).

L'articolo San Gimignano, internet wifi gratuito dal Comune da www.controradio.it.

Sindaci del Chianti a Regione, stop vendita Montepaldi

Sindaci del Chianti a Regione, stop vendita Montepaldi

San Casciano Val di Pesa, in provincia di Firenze, i sindaci dei Comuni del Chianti fiorentino si rivolgono alla Regione Toscana affinché intervenga per scongiurare la vendita della villa Montepaldi.

“Tutti noi firmatari – scrivono i sindaci dell’Unione comunale del Chianti fiorentino, coordinati da quello di San Casciano Val di Pesa, Roberto Ciappi – intendiamo rappresentare alla Regione la manifestazione di interesse a supportare Montepaldi nella ricerca e realizzazione per contribuire a realizzare un centro che divenga un punto di riferimento per il settore agroalimentare europeo”.

Per tenuta, che sorge a San Casciano Val di Pesa è attualmente di proprietà dell’Università di Firenze ed è un’azienda da 320 ettari di vigne e uliveti con al centro una villa rinascimentale, è stato istruito un nuovo bando con base d’asta intorno ai 14 milioni di euro.L’Ateneo ha deciso di alienare il bene lo scorso anno “per rispettare i requisiti imposti dal decreto legislativo sulle società a partecipazione pubblica”.

Un vero e proprio appello a ripensarci, a spingere l’Università a cercare una soluzione diversa. L’auspicio è di “un preciso e tempestivo interessamento da parte della Regione Toscana” spiegano i sindaci che rimangono “a disposizione per un incontro con l’organo di governo dell’Università di Firenze al fine di verificare la possibilità di trovare una soluzione alternativa alla vendita di Montepaldi e la possibilità di realizzazione un centro come più sopra illustrato”.

Villa Montepaldi, acquisita dall’Ateneo nel 1989, è anche centro della didattica e della ricerca del dipartimento di scienze e tecnologie agrarie, alimentari, ambientali e forestali.

L'articolo Sindaci del Chianti a Regione, stop vendita Montepaldi da www.controradio.it.

Coronavirus in Toscana. 123 nuovi casi, 6 deceduti

Coronavirus in Toscana. 123 nuovi casi, 6 deceduti

Firenze, in Toscana sono 243.375 i casi di positività al Coronavirus, 123 in più rispetto a ieri (122 confermati con tampone molecolare e 1 da test rapido antigenico). I nuovi casi sono lo 0,1% in più rispetto al totale del giorno precedente.

I guariti crescono dello 0,1% e raggiungono quota 232.101 (95,4% dei casi totali). Oggi sono stati eseguiti 7.671 tamponi molecolari e 4.504 tamponi antigenici rapidi, di questi il 1% è risultato positivo. Sono invece 4.761 i soggetti testati per il Coronavirus oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 2,6% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 4.458, -2,5% rispetto a ieri. I ricoverati sono 261 (13 in meno rispetto a ieri), di cui 66 in terapia intensiva (4 in meno). Oggi, domenica 13 giugno, si registrano 6 nuovi decessi: 5 uomini e una donna con un’età media di 77 anni.

Questi i dati – accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste della Protezione civile nazionale – relativi all’andamento dell’epidemia di Coronavirus in regione.

L’età media dei 123 nuovi positivi odierni è di 39 anni circa (20% ha meno di 20 anni, 30% tra 20 e 39 anni, 32% tra 40 e 59 anni, 17% tra 60 e 79 anni, 1% ha 80 anni o più).

Di seguito i casi di positività al Coronavirus sul territorio con la variazione rispetto a ieri (122 confermati con tampone molecolare e 1 da test rapido antigenico). Sono 67.177 i casi complessivi ad oggi a Firenze (41 in più rispetto a ieri), 22.517 a Prato (7 in più), 22.944 a Pistoia (6 in più), 13.299 a Massa (3 in più), 24.596 a Lucca (5 in più), 29.168 a Pisa (6 in più), 17.455 a Livorno (6 in più), 22.818 ad Arezzo (14 in più), 13.808 a Siena (7 in più), 9.038 a Grosseto (28 in più). Sono 555 i casi positivi notificati in Toscana, ma residenti in altre regioni.

Sono 54 i casi riscontrati oggi nell’Asl Centro, 20 nella Nord Ovest, 49 nella Sud est.

La Toscana si trova al 12° posto in Italia come numerosità di casi (comprensivi di residenti e non residenti), con circa 6.634 casi per 100.000 abitanti (media italiana circa 7.161 x100.000, dato di ieri). Le province di notifica con il tasso più alto sono Prato con 8.794 casi x100.000 abitanti, Pistoia con 7.889, Massa Carrara con 7.005, la più bassa Grosseto con 4.136.
Complessivamente, 4.197 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (102 in meno rispetto a ieri, meno 2,4%).
Sono 11.796 (16 in meno rispetto a ieri, meno 0,1%) le persone, anch’esse isolate, in sorveglianza attiva perché hanno avuto contatti con persone contagiate (ASL Centro 6.056, Nord Ovest 4.401, Sud Est 1.339).
Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti COVID oggi sono complessivamente 261 (13 in meno rispetto a ieri, meno 4,7%), 66 in terapia intensiva (4 in meno rispetto a ieri, meno 5,7%).
Le persone nel complesso guarite sono 232.101 (232 in più rispetto a ieri, più 0,1%): 0 persone clinicamente guarite (stabili rispetto a ieri), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione e 232.101 (232 in più rispetto a ieri, più 0,1%) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con tampone negativo.

Relativamente alla provincia di residenza, le persone decedute sono: 1 a Firenze, 1 a Prato, 1 a Pistoia, 1 a Massa Carrara, 2 a Arezzo.

Sono 6.816 i deceduti dall’inizio dell’epidemia cosi ripartiti: 2.195 a Firenze, 594 a Prato, 627 a Pistoia, 524 a Massa Carrara, 662 a Lucca, 700 a Pisa, 416 a Livorno, 499 ad Arezzo, 328 a Siena, 180 a Grosseto, 91 persone sono decedute sul suolo toscano ma erano residenti fuori regione.

Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 185,8 x100.000 residenti contro il 214,3 x100.000 della media italiana (12° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (276,0 x100.000), Prato (232,0 x100.000) e Firenze (222,6 x100.000), il più basso a Grosseto (82,4 x100.000).

Si ricorda che tutti i dati saranno visibili dalle ore 18.30 sul sito dell’Agenzia Regionale di Sanità a questo indirizzo: www.ars.toscana.it/covid19.

L'articolo Coronavirus in Toscana. 123 nuovi casi, 6 deceduti da www.controradio.it.