Torna a sinistra la Consulta degli studenti di Firenze

Torna a sinistra la Consulta degli studenti di Firenze

Due anni fa l’organo di rappresentanza delle scuole superiori aveva visto la vittoria delle destre con l’elezione di un giovane di Azione studentesca. In questa tornata il Fronte della Gioventù comunista fa eleggere presidente provinciale Nadia Gabbrielli.

Il FGC conquista la Consulta degli Studenti di Firenze, eleggendo per la prima volta come Presidente una sua militante, Nadia Gabbrielli con il 58% dei voti. 16enne, al quarto anno dell’Educandato della Santissima Annunziata, è riuscita a battere altri tre candidati andando al ballottaggio contro Bernardo Bocci, figlio di quell’Ubaldo, candidato a sindaco delle destre ed ora consigliere comunale di opposizione.

“Un risultato importante, che certifica l’avanzamento della nostra organizzazione in una Consulta che è stata gestita nel passato dalla destra, con una candidatura che ha sostenuto i valori dell’antifascismo nella città medaglia d’oro alla Resistenza” si legge in una nota dei militanti Fgc.

«Vogliamo una Consulta che rappresenti realmente gli studenti e le loro necessità e che denunci la condizione delle nostre delle scuole senza mezzi termini», aggiunge Nadia dichiara la Presidente neo-eletta annunciando la volontà  di costituire delle commissioni ad hoc su temi specifici e sondaggi in tutte le scuole su condizioni strutturali, carenze e sicurezza degli edifici. Ma anche attenzione per la reale efficacia formativa dello strumento dell’alternanza scuola-lavoro e poi attività sportive e laboratoriali.

E sul volantino di azione studentesca a Pistoia per mettere un tetto agli alunni stranieri in classe, Nadia ha le idee chiare “sono proclami pericolosi che vanno ad influenzare altri ragazzi e che non vanno sottovalutati in alcun modoL’istruzione pubblica è sotto attacco: serve una risposta concreta dagli studenti e da chi li rappresenta”.

L'articolo Torna a sinistra la Consulta degli studenti di Firenze proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi