Tosacana, sanità: migliorano dati liste d’attesa

Tosacana, sanità: migliorano dati  liste d’attesa

Un progressivo miglioramento dei tempi di attesa per le prestazioni sanitarie: questo è quanto emerge dai dati dell’ultimo monitoraggio bisettimanale della Regione Toscana 

Il dato è cacolato secondo il parametro di riferimento dei  i tempi massimi previsti dal piano regionale, ovvero la metà di quelli indicati a livello nazionale. I dati, secondo quanto rivela la Regione Toscana in un comunicato  dicono che “per tutte le visite la percentuale di garanzia entro i tempi massimi passa dal 74% del periodo 16-30 giugno al 78,6% del periodo 1-15 luglio. Lo stesso trend si riscontra per gli esami diagnostici, per i quali si passa dall’80,3% del periodo 16-30 giugno all’87% del periodo 1-15 luglio”.

Si tratta di un risultato degno di noita visto  il pesante impatto della pandemia  negli ultimi due anni, e, negli ultimi mesi, un boom di richieste da parte dei cittadini, inclusi controlli post Covid in chi ha contratto l’infezione (a esempio per le visite cardiologiche).

Più nel dettaglio, comunica ancora la Regione toscana ” prendendo in esame alcune tipologie di visite, si nota che per le cardiologiche si passa dal 75,3% del periodo 16-30 giugno al 79,3% del periodo 1-15 luglio (a fine marzo 59,6%), per le allergologiche si passa dall’81,1% all’86,2% (a fine marzo 57,5%) e per le pneumologiche dall’82,5% all’84,9% (a fine marzo 76%). Oltre a un miglioramento rispetto alla seconda metà di giugno, si registra un trend costante di incremento del rispetto dei massimi previsti, ovvero di riduzione dei tempi di attesa, anche in rapporto alla fine di marzo, un momento particolarmente critico a causa della pandemia. Importanti miglioramenti anche sul fronte delle visite oculistiche, dove si passa dal 79,2% all’85,2%”.

“Trend positivo -prosegue il comunicato della Regione Toscana-  anche per la diagnostica. Per esempio, sempre dal periodo 16-30 giugno al periodo 1-15 luglio le risonanze passano dal 74,4% all’81,75%, le TC dall’87,2% al 90,7% e le ecografie dal 79,6% all’89,9%. La mammografia si conferma al 95% e le endoscopie risultano stabili al 72% (a fine marzo erano al 68,2%)”.

E ancora “anche per quanto riguarda gli interventi chirurgici si registrano segnali positivi, in particolare sul fronte oncologico, al netto di alcune criticità che permangono, per impatti diretti e indiretti della pandemia, sulle quali è in corso un lavoro straordinario delle aziende sanitarie, costantemente monitorato dal livello regionale. In particolare, per gli interventi chirurgici per tumore alla mammella il volume di prestazioni si è riportato su quello registrato nel 2019 con un sostanziale rispetto dei tempi massimi (a giugno circa l’85% degli interventi con priorità A sono stati effettuati entro i trenta giorni previsti), buono il recupero registrato anche per melanoma e tumore al polmone, in entrambi i casi si registra un aumento di attività rispetto al 2019 (rispettivamente del 60% e del 12,7%) con un rispetto dei tempi massimi in oltre il 90% dei casi”.

Complessivamente gli interventi di classe A per patologie oncologiche nel mese di giugno sono stati effettuati entro i 30 giorni nell’83% dei casi.

“Per gli interventi non oncologici i tempi di attesa sono più lunghi, determinati in larga parte proprio dal recupero dell’arretrato causa pandemia, ma in rapido rientro, per quelli oggetto di monitoraggio del piano nazionale si registra una garanzia dei tempi massimi nel 73,3% dei casi” fa sapere inoltre la Regione Toscana. Che aggiunge “complessivamente si assiste ad un volume straordinario di attività erogata, che segna un recupero rispetto agli arretrati causa Covid in linea con i dati di Agenas che hanno premiato più volte la Toscana per capacità di resilienza durante l’emergenza sanitaria e l’hanno vista prima in Italia per prestazioni di specialistica ambulatoriale effettuate da luglio a dicembre del 2021, soprattutto se confrontate con i numeri dello stesso semestre del 2018″.

 

L'articolo Tosacana, sanità: migliorano dati liste d’attesa da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi.