Una notte di spettacolo e lotta sotto il cielo della Gkn

Una notte di spettacolo e lotta sotto il cielo della Gkn

Una notte di spettacolo e lotta sotto il cielo di Campi Bisenzio al fianco dei lavoratori della Gkn. Evento di cultura a sostegno della vertenza che ha visto alternarsi testimonianze ed esibizioni artistiche sul palco allestito davanti alla fabbrica.

Lo scrittore e drammaturgo della Piana fiorentina Stefano Massini — con la collaborazione della Prg, della Cgil e l’adesione del Teatro della Toscana — ha raccolto il supporto di attori, registi, musicisti per una maratona culturale di attestati artistici  di sostegno alla mobilitazione.
Gli Spari Sopra di Vasco Rossi, Carlo Verdone, Paolo Virzì, Michele Placido, Gianni Morandi, Fiorella Mannoia tanti i video inviati per la serata oltre alla presenza di Piero Pelù, Bobo Rondelli e il monologo dello stesso Massini davanti ad una platea di oltre mille persone.

“Dobbiamo farcela, in tutti i modi dobbiamo riaprire il tavolo” con il fondo Melrose di Londra, proprietario della Gkn, “non possiamo rimanere in questa situazione in cui con queste modalità brute sono stati allontanati 422 dipendenti. Io sono convinto che lo sforzo congiunto tra il Governo e la Regione convincerà la proprietà a rimettersi al tavolo”. Lo ha detto il presidente della Toscana Eugenio Giani, in un intervento ieri sera alla Festa dell’unità di Fiesole (Firenze).

Una stretta alle norme anti-delocalizzazione, per impedire altri casi ‘Gnk’: il governo sta studiando un intervento per ridefinire le regole e arginare le delocalizzazioni aggressive, producendo “fenomeni di desertificazione industriale”. A confermare l’intenzione dell’esecutivo di muoversi in questa direzione è il ministro Andrea Orlando che, parlando proprio della Gkn di Campi Bisenzio (Firenze) , ha assicurato di essere “al lavoro con il Mise” per la “revision dell’attuale impianto normativo che purtroppo non ha prodotto i risultati sperati”.

L'articolo Una notte di spettacolo e lotta sotto il cielo della Gkn da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi